La donna di 78 anni è stata uccisa con una coltellata al cuore da un uomo che in passato avrebbe avuto una relazione con lei.

Dramma in una Rsa a Lana, in Alto Adige, dove un uomo di 87 anni, che si era recato nella struttura per far visita alla compagna, una donna di 78 anni, l’ha uccisa con una coltellata. Il fendente ha raggiunto la donna al cuore rendendo vani i tentativi dei soccorritori. Il 78enne è stato arrestato dai carabinieri poco dopo il drammatico omicidio. Si lavora ora per ricostruire la dinamica esatta e il movente.

Omicidio in Rsa in Alto Adige: donna di 78 anni uccisa durante l’orario di visita

Stando alle prime ricostruzioni della vicenda, l’omicidio è avvenuto nel giardino della casa di riposo durante l’orario di visita nella struttura. Il compagno della donna, un uomo di 87 anni, ha colpito la compagna con una coltellata al cuore. Immediato l’intervento di alcuni infermieri della struttura che hanno provato a salvare la 78enne, purtroppo senza successo. È intervenuto anche un medico d’urgenza che purtroppo non ha potuto fare nulla. Sono stati alcuni collaboratori della struttura a fermare l’87enne, che non ha opposto resistenza quando è stato fermato.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Carabinieri
Carabinieri

Fermato il responsabile: resta da chiarire il movente

Sul caso indagano gli inquirenti e sono diversi i punti da chiarire. Il primo: il rapporto tra l’87enne e la vittima. Non è chiaro se i due avessero ancora una relazione o se l’abbiano avuta in passato e sia poi terminata, come riferito da diversi quotidiani. Non è chiaro inoltre se l’anziano abbia introdotto il coltello dall’esterno o se sia riuscito a procurarselo all’interno della struttura. L’ipotesi più accreditata è la prima, anche perché in base alle norme anti-Covid i visitatori possono entrare solo muniti di Green Pass e possono accedere solo agli spazi aperti, quindi al giardino, della struttura.


Brasile, Bolsonaro dimesso dopo il ricovero d’urgenza in ospedale

La sindrome dell’Avana torna a fare paura. “È un’arma russa”. Cosa sappiamo sul malessere misterioso