Il dossier segreto su Emanuela Orlandi: la verità nascosta sul ruolo di padre Georg
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Il dossier segreto su Emanuela Orlandi: la verità nascosta sul ruolo di padre Georg

Pietro Orlandi

Il mistero di Emanuela Orlandi: tra documenti vaticani segreti, teorie del complotto e la ricerca della verità perduta.

La scomparsa di Emanuela Orlandi, avvenuta il 22 giugno 1983, continua a essere uno dei misteri più inquietanti e discussi d’Italia, un puzzle complesso di segreti e mezze verità che trova nel Vaticano alcuni dei suoi elementi più oscuri.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Emanuela Orlandi - Pietro Orlandi
Emanuela Orlandi – Pietro Orlandi

Gli intrighi vaticani e il documento del 1998

Un documento datato 1998, pubblicato nel 2017, è uno dei pezzi centrali in questo intrigo. Originariamente nelle mani di Georg Gaenswein, che aveva il ruolo di segretario particolare di Benedetto XVI, il dossier riporta spese sostenute dal Vaticano per Emanuela fino al 1997. Nonostante le incongruenze formali che suggerirebbero una falsificazione, le informazioni sembrano troppo significative per essere completamente ignorate. Si parla di un “resoconto sommario delle spese” sostenute per gestire il rapimento di Emanuela e i costi per il suo sostentamento a Londra, aggiungendo mistero al già intricato caso. Come come ripreso iltempo.it

Documenti contraffatti e la teoria del complotto su Emanuela Orlandi

La questione della contraffazione del documento emerge come un aspetto cruciale. Modificato per sembrare non autentico, contiene tuttavia elementi di verità possibilmente troppo pericolosi per essere esposti apertamente. La presenza di questo dossier nella cassa consegnata da Benedetto XVI a Papa Francesco sembra sottolineare la sua rilevanza, sollevando questioni su chi potrebbe essere protetto da queste rivelazioni e quali verità stiano cercando di nascondere. Come fonte iltempo.it

Come scritto da iltempo.it, ulteriore elemento di confusione è il riferimento ai 197 allegati del dossier, tra fatture e giustificativi, che non sono stati trovati. Questi documenti potrebbero essere la chiave per decifrare definitivamente il destino di Emanuela Orlandi, suggerendo che la verità potrebbe essere stata deliberatamente occultata. La persistente affermazione di Gaenswein che il dossier non esisterebbe contraddice le evidenze trovate, intensificando il dibattito su possibili coperture e manipolazioni all’interno del Vaticano.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 7 Aprile 2024 14:43

Alessia Pifferi confessa: ecco la grave accusa al compagno

nl pixel