Dossieraggio, un senatore della Lega accusa: "Regia intorno all'area del Pd"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Dossieraggio, un senatore della Lega accusa: “Regia intorno all’area del Pd”

Matteo Salvini

Claudio Borghi, senatore della Lega, solleva dubbi sullo scandalo dossieraggio.

Il dibattito sull’indagine per il presunto dossieraggio non accenna a placarsi. Claudio Borghi, senatore della Lega e membro del Copasir, si inserisce con forza nella discussione. Il senatore ha evidenziato una situazione che a suo dire evidenzia gravi carenze organizzative e potenziali abusi.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Borghi, in un’intervista ad Affari Italiani, sottolinea come: “C’è stata certamente una errata organizzazione delle strutture“. Riferisce di aver appreso che il procuratore nazionale Antimafia, Giovanni Melillo, ha dovuto aumentare la sicurezza sull’accesso ai dati, segno che il suo predecessore, Federico Cafiero De Raho, non avrebbe agito con sufficiente diligenza.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Il ruolo dei media e le ombre politiche

La critica non risparmia nessuno, evidenziando una “cultura politica” incentrata sulla colpevolizzazione e sull’investigazione indiscriminata.

Borghi punta il dito contro specifici settori dell’informazione e del panorama politico italiano. Sostiene che l’attenzione sia focalizzata su esponenti del centrodestra o figure come Renzi, con il giornale “Il Domani”, di proprietà di Carlo De Benedetti, al centro delle accuse.

Borghi interpreta queste dinamiche: “Fa pensare che dietro ci sia una regia politica intorno all’area del Pd“. Tuttavia, l’associazione con De Benedetti, noto per i suoi legami con il PD, alimenta le teorie di una campagna mirata contro gli avversari politici del partito.

Le accuse di Claudio Borghi

Borghi non esita a collegare direttamente queste azioni con le dinamiche elettorali, rivelando che i suoi dati bancari sono stati “spiati” proprio nel periodo precedente le elezioni politiche del 2022.

Nonostante non emergessero operazioni sospette, l’esponente leghista evidenzia come l’intento fosse chiaramente quello di costruire narrazioni dannose per la sua immagine. “Se ci fosse stato qualcosa avremmo letto un bel titolo…” riflette Borghi, denunciando una pratica di fabbricazione di scandali a fini politici.

Le parole di Claudio Borghi aprono nuovi scenari su una vicenda che mescola politica, giustizia e uso dei media in una trama complessa, dove verità e manipolazione sembrano intrecciarsi inesorabilmente.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 7 Marzo 2024 15:52

Il Ppe sceglie von der Leyen: arriva la risposta della Lega

nl pixel