Draghi punta Nardella: "arriva" l'e-mail di fine mandato
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Draghi punta Nardella: “arriva” l’e-mail di fine mandato

Sindaco con fascia tricolore

Un’analisi dettagliata sulle spese di fine mandato del sindaco di Firenze, Dario Nardella, tra denunce, indagini della Corte dei Conti.

La città di Firenze si trova al centro di una vibrante polemica riguardante la gestione dei fondi pubblici da parte dell’amministrazione del sindaco Dario Nardella. Alessandro Draghi, capogruppo di Fratelli d’Italia nel consiglio comunale, ha sollevato dubbi e perplessità riguardo l’uso di 572mila euro per la comunicazione di fine mandato, un aumento significativo rispetto ai 121.544 euro del 2019. Questo salto quantitativo ha generato interrogativi sulla correttezza e sull’opportunità di utilizzare in tal modo le risorse pubbliche, soprattutto in vista delle prossime elezioni europee, per le quali si vocifera una candidatura di Nardella. Secondo quanto riportato da iltempo.it

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Sindaco con fascia tricolore
Sindaco con fascia tricolore

La spesa in questione

Il confronto tra le spese del primo e del secondo mandato di Nardella evidenzia una crescita esponenziale dei costi legati alla comunicazione. Il vicesindaco Bettini, messo di fronte alle richieste di chiarimento, ha fornito risposte che non hanno placato le critiche, annunciando addirittura ulteriori spese per 100mila euro prima della conclusione del mandato. Questo scenario alimenta il dibattito sulla legittimità di impiegare fondi pubblici in campagne di comunicazione così onerose, in un contesto in cui il bilancio comunale potrebbe essere destinato a fini più improntati al bene comune. Secondo quanto scritto da iltempo.it

Le denunce e le indagini

Di fronte a tali cifre, Draghi ha deciso di agire, presentando un esposto alla procura della Corte dei Conti per indagare su possibili illeciti. Tra le scoperte più inquietanti, emerge l’affidamento diretto alla ditta Futurevox di Genova per la produzione di materiale multimediale, per un costo di 97.600 euro, senza una gara pubblica. Questa stessa ditta ha precedentemente lavorato per la campagna elettorale di Elly Schlein, suscitando ulteriori sospetti di favoritismi e gestione opaca delle risorse. Secondo quanto riferito da iltempo.it

Un ulteriore elemento di discordia è rappresentato da una mail inviata dall’ufficio del sindaco alle società partecipate dal Comune, richiedendo video celebrativi per il fine mandato, una richiesta che allarga lo scenario delle spese a carico dei cittadini fiorentini. Anche Matteo Renzi, figura di spicco della politica locale e nazionale, ha espresso il suo dissenso, crittando apertamente questa gestione delle risorse durante l’ultima edizione della Leopolda.

La vicenda fiorentina solleva questioni fondamentali sulla trasparenza e sull’uso etico dei fondi pubblici. In un momento storico in cui la fiducia nei confronti delle istituzioni è sempre più vacillante, episodi di questo tipo alimentano il dibattito sull’importanza della responsabilità amministrativa e sulla necessità di una gestione oculata e trasparente delle risorse pubbliche, specie alla luce delle sfide future che attendono la comunità.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 22 Marzo 2024 10:19

Travaglio si scatena: “Meloni e Salvini si odiano. Faccetta nera imbarazzante…”

nl pixel