Il Governo accoglie le richieste del Quirinale e taglia 62 emendamenti dal dl Semplificazioni. Proteste da parte di NCC davanti al Senato.

ROMA – Alla fine il Governo taglia 62 emendamenti nel dl Semplificazioni e ne lascia solo 23. La maggioranza ha accolto le indicazioni del Quirinale, snellendo di molto la riforma. Le norme più importanti restano mentre ad essere tolta è la stretta anti-Xylella.

Dl Semplificazioni, il Quirinale boccia il testo

Il testo del dl Semplificazioni potrebbe subire modifiche in Aula al Senato. L’indiscrezione è stata lanciata dall’ANSA che scrive di dubbi espressi da parte del Quirinale. Il Colle – si legge sull’agenzia di stampa – non sarebbe in pieno dagli emendamenti dell’omnibus, un provvedimento che potrebbe avere diversi rischi.

Per questo la maggioranza potrebbe decidere di fare un taglio degli emendamenti su questo ddl per poi passare all’approvazione del testo in Senato. In questo caso non ci dovrebbero essere particolari problemi quindi il Governo potrebbe non chiedere sul maxi-emendamento ma discutere le singole proposte. Una lunga settimana si prospetta in Senato con l’alleanza giallo-verde che si prepara ad approvare una delle riforme base del 2019.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Senato
Fonte foto: https://www.facebook.com/pages/Senato-della-Repubblica/113924618617865

Dl Semplificazioni, il Colle dice no ad alcuni emendamenti

La commissione nella scorsa settimana ha approvato circa 80 emendamenti sull’omnibus, tutti molto diversi tra loro. Proprio questa mancanza di omogeneità – riferisce l’ANSA – ha portato il Quirinale ad esprimere le sue perplessità alla maggioranza. Dal Governo è arrivato l’ok per snellire un po’ il decreto legge anche se alcune norme non dovrebbero essere toccate.

Nel dl dovrebbero restare i fondi per le famiglie delle vittime di Rigopiano, l’obbligo di etichettare la provenienza dei prodotti alimentari, le novità sulle trivelle e l’idroelettrico, lo stop al raddoppio dell’Ires sul no profit e le misure per gli NCC. Questi dovrebbero essere i provvedimenti che resteranno all’interno della legge. Non è escluso che nei prossimi giorni al Senato si cercherà di salvare altri emendamenti per una proposta che dopo l’approvazione a Palazzo Madama passerà in Senato.

Anche a Montecitorio potrebbero esserci dei cambiamenti ma in questo caso il provvedimento dovrebbe ritornare al Senato per l’approvazione definitiva con le modifiche. Maggioranza al lavoro per il ddl Semplificazioni.

Dl Semplificazioni, NCC protesta davanti al Senato

In attesa dell’approvazione definitiva, riesplodono le proteste davanti al Senato per gli NCC. I conducenti delle auto a noleggio si sono dati appuntamento a Palazzo Madama per esprimere il loro dissenso al decreto legge. Attimi di tensione con la polizia che ha allontanato i dimostranti. la situazione sembra piano piano tornare alla normalità.

Di seguito uno dei canali del Senato

https://www.youtube.com/watch?v=TMUb-0C_ybw

Afghanistan, il ministro Trenta pensa al ritiro delle truppe. Scontro M5s-Lega

Migranti, Di Maio minaccia: pronti a incidente diplomatico con l’Olanda