Ognuno di noi è chiamato a fare la sua parte per aiutare a invertire la rotta ed assicurare un futuro al nostro Pianeta. Proprio in questa direzione va la campagna di Equity Crowdfunding.

In questi ultimi anni le tematiche inerenti all’ecosostenibilità hanno visto crescere in maniera significativa un interesse a livello internazionale, come reazione a problematiche ambientali sempre più gravi causate per buona parte da sfruttamento massiccio delle risorse naturali ed inquinamento.

Ognuno di noi è chiamato a fare la sua parte per aiutare a invertire la rotta ed assicurare un futuro al nostro Pianeta, ristabilendo un rapporto armonico tra uomo e ambiente. La diminuzione del costo della tecnologia solare e la c.d. grid parity rappresenta un cambiamento di paradigma anche per chi fruisce dell’energia, che da consumatore, tende a diventare a sua volta produttore (c.d. “prosumer”), per stabilizzare il costo della bolletta.

Proprio in questa direzione va la campagna di Equity Crowdfunding, attiva a partire dal 7 agosto, che consente di investire in prima persona in una società che lavora nella produzione di energia pulita e rinnovabile: Dynamo Energies.

Cos’è la campagna di Equity Crowdfunding?

Dynamo
Dynamo

Per cogliere l’opportunità di partecipare alla missione di Dynamo, che punta ad offrire indipendenza energetica a privati ed aziende utilizzando solo fonti rinnovabili come acqua, sole, terra e aria, sarà quindi possibile effettuare un investimento su Extrafunding.it, portale dedicato proprio alla raccolta di fondi per le P.M.I.

Dynamo opera in un settore in costante sviluppo e si serve di un fotovoltaico di nuova generazione che consente un notevole incremento dell’efficienza energetica, attraverso l’uso di collettori solari tridimensionali, dalla suggestiva forma dei solidi platonici: sfruttando più superfici per recepire i raggi solari i volumi di energia raccolti risultano decisamente più elevati rispetto a come avviene con i classici pannelli bidimensionali. Inoltre, l’energia che non viene subito utilizzata può essere stoccata per usi successivi.

Obiettivi del progetto

Investire in questo progetto vuol dire contribuire al raggiungimento dei seguenti obiettivi SDG (Suistanable Development Goals) di sviluppo sostenibile nel contesto dell’Agenda 2030, quadro strategico delle Nazioni Unite:

  • Innovazione e infrastrutture;
  • Città e Comunità̀ sostenibili;
  • Agire per il clima.

Dynamo è un progetto realizzato da Verde21, una società benefit e PMI innovativa che ha ricevuto diversi prestigiosi premi nell’ambito dell’open innovation  e vanta collaborazioni con primarie università nazionali e internazionali.

Dopo la brusca frenata subita dall’economia italiana a causa dell’emergenza coronavirus, ora arriva il momento della rinascita ed il modo migliore per uscire da questa difficile situazione è proprio quello di investire sull’ambiente e sulla bellezza, per inaugurare una stagione più florida, felice e consapevole. L’ambiente va aiutato e tutelato grazie a tecnologie all’avanguardia che uniscono l’efficienza alla bellezza e che vedono il prezioso contributo del design italiano, in grado di donare ai dispositivi eleganza e classe, attraverso linee asciutte e il colore raffinato per eccellenza: il nero.

Queste macchine, che assumono nomi evocativi come Monolite, Piramide e Cubo, permettono di soddisfare il fabbisogno energetico degli edifici, producendo – con un’unica macchina – elettricità, riscaldamento e raffrescamento.

Uno scenario di questo tipo è già realtà e per aumentarne la diffusione è possibile intervenire dando il proprio contributo tramite questa campagna di crowdfunding, certi di entrare a far parte di un processo importante all’insegna di ecologia, energia pulita e attenzione verso la salute del nostro pianeta, che si merita l’impegno di tutti perché diventa sempre più chiaro quanto il benessere dei singoli sia strettamente correlato a quello ambientale.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione


Insegnare l’inglese ai bambini? C’è Novakid!

Mattarella promulga la legge sul taglio dei parlamentari: ecco quando entrerà in vigore la riforma