Attraverso il sito approntato dal ministero dello Sviluppo Economico, i concessionari potranno fare la richiesta per l’eco bonus auto 2022.

A partire dalle 10 del mattino del 2 novembre, si riapre il portale per le richieste relative ai nuovi incentivi auto. Nella fattispecie, si tratta degli eco bonus, tanto attesi da tutta la filiera. Ecco cosa cambia a breve. Quella sugli incentivi eco bonus, è una misura che si pone tre obbiettivi.

Innanzitutto incentivare l’utilizzo di veicoli meno inquinanti come quelli ad alimentazione ibrida ed elettrica. Poi, svecchiare il parco auto italiano ed infine sostenere tutta la filiera industriale. Il Ministero ha nuovamente finanziato l’incentivo – prima esaurito – con altri 20 milioni di euro.

ecobonus

Ma quali sono i requisiti da soddisfare per ottenere l’ecobonus auto 2022? Di seguito tutto ciò che devi sapere. Il portale Mise per richiedere gli incentivi ecobonus 2022 si apriranno nella giornata del 2 ottobre, alle ore 10:00. Attraverso il portale, i concessionari potranno accedere alla piattaforma del Mise ecobonus.mise.gov.it.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I requisiti

Per poter usufruire dell’eco bonus, è necessario avere un reddito inferiore ai 30mila euro, che può contare su un incremento del 50% rispetto ai contributi erogati in passato per i veicoli nella fascia di emissioni da 0 a 20 g/km di CO2 e con un prezzo inferiore ai 35mila euro (Iva esclusa).

Il contributo può arrivare a 7.500 euro con rottamazione e a 4.500 euro senza rottamazione. L’incentivo si abbassa a 6.000 euro al massimo per veicoli con emissioni a partire da 21 e fino a 60 g/km di CO2 con rottamazione (3.000 euro senza rottamazione) con un prezzo di 45mila euro (Iva esclusa).

Come fare richiesta dell’incentivo

Attraverso il sito approntato dal ministero dello Sviluppo Economico, i concessionari potranno fare richiesta a partire dal 2 novembre 2022. Secondo quanto stabilito dalla circolare del 19 ottobre, possono essere applicati sui veicoli acquistati tra il 4 ottobre 2022 (quindi retroattivamente) fino al 31 dicembre 2022. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 24-10-2022


Smart working, Zangrillo: “Intendo procedere con il lavoro agile”

Il “ricatto del gas” di Putin finisce