L’editoriale del ‘Financial Times’ su Luca Zaia: “L’astro nascente di Venezia offusca Salvini”.

ROMA – Il modello Veneto è stato apprezzato in tutto il mondo e lo conferma l’editoriale del Financial Times su Luca Zaia. Il quotidiano britannico ha dedicato un articolo al presidente della Regione con il titolo “L’astro nascente di Venezia offusca Salvini“.

Un articolo che prende spunto da un sondaggio del politologo della Luiss che ha confermato come i consensi dell’esponente leghista sono saliti al 50% nonostante la discesa del suo partito.

Zaia una ‘minaccia’ per Salvini?

Luca Zaia per il Financial Times è una ‘minaccia’ per Matteo Salvini. La frenata delle ultime settimane del leader della Lega potrebbe presto portare il governatore veneto a prendere il ruolo di capo politico del partito di via Bellerio.

La minaccia più pericolosa – si legge nell’editoriale del Ft – non arriva dai suoi numerosi nemici ma dall’interno del suo stesso partito. Salvini ha faticato a stabilire l’agenda come faceva prima, il governatore Zaia è riuscito ad attirare l’attenzione globale con la sua strategia di lotta al Covid-19“.

Luca Zaia
Luca Zaia

Zaia frena: “Sono sondaggi, non me ne frega niente”

L’editoriale del quotidiano britannico è stato un argomento di discussione anche nella consueta conferenza stampa in Regione con Luca Zaia che ha ribadito di essere concentrato solo sull’emergenza coronavirus: “L’obiettività porta a dire che sono in testa tutti quelli che si sono occupati del Covid-19. Sono dei sondaggi in un momento particolare. Non me ne frega niente. Dobbiamo governare una regione complessa e non possiamo perdere tempo con le distrazioni“.

E poi un appello a Mattarella: “Mi piacerebbe che il Capo dello Stato valutasse la concessione di un’onorificenza a Vo’ Euganeo, che sta dimostrando una grandissima coscienza civica con i bambini che si mettono in fila per i prelievi del sangue“.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.


Conte, ‘Italiani sono responsabili ma la strada è lunga’

Approvato il Piano Scuola, 400 milioni per potenziare la Banda Larga