Elezioni in Umbria, è una disfatta per il Movimento 5 Stelle e il Pd. Giuseppe Conte scommette sull’alleanza: deve andare avanti. Luigi Di Maio è contrario.

Aveva ragione Matteo Salvini. Le elezioni in Umbria hanno segnato la disfatta del Pd e del Movimento 5 Stelle. Le due forze politiche rappresentano inevitabilmente il governo che esce sconfitto, di venti punti circa, dal confronto con il Centrodestra.

Umbria, un trionfo per la Lega di Salvini

La piazza batte il palazzo, è lo slogan che circola in ambienti leghisti ormai dalla sera del 27 ottobre, quando era chiara la vittoria della Tesei. O meglio il trionfo, perché venti punti percentuali sono un gap pesante da digerire e soprattutto da giustificare per i giallorossi.

Salvini Tesei
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial/

Elezioni in Umbria, disfatta per il Movimento 5 Stelle e il Pd

La coalizione Pd-M5S non ha funzionato, o meglio non ha sovvertito le previsioni della vigilia. Anzi, la sconfitta forse è più pesante di quanto pronosticato. E a pesare è soprattutto il tracollo del Movimento 5 Stelle che perde quasi dieci punti percentuali rispetto alle elezioni europee.

Le ripercussioni sul governo

Resta ora da capire se e in quale misura il risultato del voto in Umbria possa avere ripercussioni sulla maggioranza di governo. Sicuramente Di Maio e Zingaretti saranno tenuti a rendere conto all’interno ai loro uomini e ai loro elettori. Poi si dovrà decidere se mantenere l’alleanza e lavorare di squadra o se lasciarsi questa esperienza alle spalle per tornare a seguire ognuno la propria via.

Nicola Zingaretti, Luigi Di Maio e Giuseppe Conte
Fonte foto: https://www.facebook.com/nicolazingaretti/

Il ruolo di Giuseppe Conte, garante dell’alleanza giallorossa

La patata bollente passa inevitabilmente anche nelle mani d Giuseppe Conte, che su questa coalizione ci ha messo la faccia in prima persona. Anche se in maniera più o meno velata o indiretta.

Il premier continua sulla sua linea difensiva: la sconfitta, largamente preannunciata, non ha alcun valore a livello nazionale, dove gli equilibri di forza restano invariati nonostante il risultato umbro abbia mostrato uno stacco considerevole tra il Pd e il M5s.. Si vince e si perde insieme, aveva ammonito Conte per timore che qualcuno potesse alzare l’asticella della tensione all’interno del governo.

Giuseppe Conte è convinto che l’alleanza debba andare avanti anche a livello locale, e i risultati ottenuti dal Centrodestra sembrano indicare una via chiara: senza una larga coalizione Salvini e i suoi possono tornare al governo passando dalla porta principale e con l’ovazione delle piazze.

Giuseppe Conte
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/GiuseppeConte64

Di Maio prende le distanze ma il leader è in discussione nel Movimento

Luigi Di Maio ha un’opinione decisamente opposta. Il tentativo deve finire qui, avrebbe fatto capire il leader pentastellato ai suoi, Ma fare un passo indietro non sarà semplice e sicuramente avrà delle ripercussioni. Il Ministro degli Esteri deve prendere una via precisa senza deviazioni. I continui e repentini cambiamenti alimentano le polemiche nel mondo pentastellato e il primo a pagare il conto potrebbe essere proprio il capo.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 28-10-2019


M5s, Di Maio boccia l’alleanza con il PD. E i ‘ribelli’ si appellano a Grillo e Casaleggio

La picconata di Salvini al governo: “Qualcuno a Roma dovrebbe sentirsi abusivo”