Elezioni in Spagna, il Partito Socialista di Pedro Sanchez vince ma non ottiene la maggioranza assoluta. Le ipotesi di alleanza.

MADRID (SPAGNA) – Le elezioni in Spagna non sono riuscite a dare una maggioranza assoluta. Lo spoglio è ancora in corso ma i sondaggi parlano di un Partito Socialista avanti con soli 123 seggi rispetto ai 176 che servono per governare. Alle spalle di Pedro Sanchez la destra di Pablo Casado.

Gli unici a sorridere è l’estrema destra con il partito Vox che dovrebbe ottenere circa 23 seggi e per la prima volta entrare in Parlamento. Al momento si parla solamente di ipotesi con i dati ufficiali che sono attesi nelle prossime ore. Gli spagnoli aspettano di sapere il proprio futuro che dovrebbe rimanere incerto.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Elezioni in Spagna
fonte foto https://twitter.com/sanchezcastejon

Elezioni in Spagna, le possibili alleanze

La maggioranza per il Partito Socialista è molto lontana con Pedro Sanchez che nelle prossime ore dovrà pensare ad alcune alleanze per riuscire a governare il Paese. Al momento l’unica ipotesi possibile è quella di una colazione con il partito Podemos per raggiungere i 165 seggi e poi chiedere aiuto agli indipendentisti. Una possibilità concreta visto che l’unione della destra porterebbe solo 145 seggi e in questo caso raggiungere la maggioranza assoluta sarebbe molto complicato.

Si attendono le prossime ore per sapere meglio il futuro della Spagna. Gli unici ad uscire vincitori da queste elezioni è Vox che per la prima volta entra in Parlamento: “Nel nuovo governo – dichiara la presidente Rocio Monasteriosi sentirà parlare con fermezza e determinazione di unità della nazione e di libertà e uguaglianza di tutti gli spagnoli“. Un ingresso storico che potrebbe rivoluzionare il mondo politico iberico.

fonte foto copertina https://twitter.com/sanchezcastejon


Stati Uniti, spari davanti a sinagoga di San Diego: un morto. L’autore è un “suprematista bianco”

Elezioni in Indonesia, 270 scrutinatori morti per stanchezza