Caos e tensioni nelle ultime ore per presentare le liste elettorali.

Stasera alle 20 si chiudono le liste. Si corre per fare gli ultimi rintocchi alle liste per le elezioni del 25 settembre. Nel centrosinistra agitazioni dopo il caso degli under 35 mentre a destra il caso Casellati ha scosso le fila dei forzisti. Il centrodestra ha chiuso gli elenchi da presentare, oggi Fratelli d’Italia diffonderà le postazioni. Per quanto riguarda i nomi sono emersi Carlo Nordio, Giulio Tremonti, Giulio Terzi di Sant’Agata e Marcello Pera. Nomi già paventati da Meloni.

A destra anche Silvio Berlusconi correrà da capolista in Piemonte, Lazio, Campania e la sua Lombardia. Tajani avrà Velletri e Casellati resterà in Basilicata nonostante le polemiche che nei giorni scorsi hanno agitato i forzisti locali. Lotito, patron della Lazio sarà all’uninominale in Molise invece. Rita Dalla Chiesa, figlia del generale, sarà candidata con Forza Italia in Puglia e in Liguria.

urna_voto_votazione
urna_voto_votazione

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Ultimi ritocchi e big confermati

Per quanto riguarda il centrosinistra Di Maio correrà all’uninominale di Napoli-Fuorigrotta mentre ex ministro grillino Spadafora sarà candidato a Napoli-Casoria. L’ex capogruppo grillino Crippa sarà a Giugliano, l’ex ministra Azzolina sarà a Siracusa mentre è rimasto fuori il ministro D’Incà. Bonelli, leader dei Verdi, correrà a Imola, Ceccanti a Pisa collegio lasciato da Fratoianni. Ilaria Cucchi sarà all’uninominale di Firenze, Pippo Civati in Emilia-Romagna.

Calenda per il terzo polo correrà a Roma mentre Renzi a Milano e in Toscana, Maria Elena Boschi in Calabria. I centristi hanno spesso detto che il giorno dopo il voto il Pd e il M5s ritorneranno insieme e ieri Conte intervistato da Lucia Annunziata si è fatto scappare un’apertura a governare con i dem per poi tornare sulle sue parole. Poi il leader dei grillini ha spiegato che è impossibile governare da soli soprattutto con queste alleanze.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 22-08-2022


Cattolici contro i partiti senza visione del futuro

La prima donna premier potrebbe essere di destra