La questione di genere e di donne in politica sta emergendo molto nel dibattito politico pre elezioni.

In Italia potremmo avere la prima donna presidente del Consiglio e molto probabilmente – come dicono i sondaggi – a ricoprire questo ruolo potrebbe essere Giorgia Meloni. La leader di Fratelli d’Italia è la rappresentate più a destra delle altre donne in politica sul panorama attuale. Da tempo la sinistra, soprattutto il Pd, si batte per l’equità in politica ma purtroppo spesso fallendo in questo intento. Paradossalmente la destra potrebbe riuscire prima a portare una donna a Palazzo Chigi.

Su Repubblica Concita De Gregorio ha analizzato il caso e messo a confronto Meloni a destra, Carfagna al centro e Schlein a sinistra e le descrive come studiose e impegnate nel loro lavoro, ambiziose e determinate. A Meloni concede la determinazione che ha avuto a imporsi in un mondo maschilista e misogino di destra in cui le donne sono solo madri e mogli. Ma la futura potenziale leader non è stata risparmiata alle critiche e alle derisioni del sessismo all’interno del suo partito e dei suoi alleati.

Mara Carfagna
Mara Carfagna

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le donne in politica da Meloni a Carfagna

Lo stesso vale per Mara Carfagna vista per molti anni solo come una “intrattenitrice” della cerchia di Berlusconi, scelta accuratamente dal Cavaliere quando era molto giovane e bella. Una prerogativa per entrare in questo mondo del resto che la ministra ha sfruttato per poi mostrare il suo vero carattere serio e tenace.

Anche Elly Schlein vice presidente della regione Emilia-Romagna ha mostrato la sua verve politica però non passando per un sessismo palese. Il Pd si è sempre nascosto dietro le parole di parità e i numeri ma che in realtà non contavano nulla. Come è accaduto spesso nella storia del partito, le donne sono state “silenziate, depotenziate, derubricate” nonostante fossero brave a fare politica. Forse anche più che a destra. Per questo motivo ora non deve sorprendere che la destra abbia fatto prima, senza troppi giri di parole, e la prima donna premier potrebbe essere di destra – anche quelle meno moderata tra l’altro.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 22-08-2022


Elezioni: ultime ore per presentare le liste

Mentana offre il confronto tv ai quattro poli