Emergenza coronavirus, l’Italia verso la zona Rossa. L’allarme di Speranza e quello di Bertolaso.

L’Italia corre verso la zona rossa: dopo il monito del ministro della Salute Roberto Speranza arriva anche quello di Bertolaso. La diffusione delle varianti del Covid sta portando ad un aumento dei casi e con ogni probabilità le prossime ordinanze del Ministro della Salute sposteranno quasi tutte le Regioni verso l’Arancione scuro e verso il Rosso. Un passo indietro nella lotta al coronavirus.

Emergenza coronavirus, Italia verso la zona Rossa

Da giorni il ministro Speranza aveva fatto sapere che, numeri alla mano, le prossime settimane sarebbero state particolarmente difficili. E per questo motivo con il dpcm del 2 marzo il governo ha deciso di mantenere le restrizioni attualmente in vigore fino al prossimo 6 aprile. Anzi, il governo ha proceduto con una nuova stretta nelle zone a rischio alto e nelle zone rosse.

In occasione della conferenza stampa del 2 marzo Speranza ha evidenziato inoltre come realisticamente si sarebbe presto proceduto ad uno spostamento di diverse regioni verso la zona arancione e la zona rossa.

La situazione sarà più chiara nella giornata di venerdì 5 marzo, quando saranno presentati i dati del nuovo monitoraggio della Cabina di Regia e quando il Ministro della Salute firmerà le nuove ordinanze con le quali stabilirà i nuovi colori delle Regioni.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Bertolaso: “Non sono più preoccupato per la Lombardia che per altre Regioni”

Anche Bertolaso ha ripreso l’allarme di Speranza: “A me sembra che tutta l’Italia, tranne la Sardegna, si stia avvicinando a passi lunghi verso la zona rossa. È ovvio che la Lombardia anche per quello che finora ha vissuto è più vulnerabile di altre Regioni. Ma non sono più preoccupato per la Lombardia che per altre Regioni“.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 03-03-2021


Quando farò vaccino contro il Covid? Quante persone ci sono prima di me? Ecco la risposta

Vaccini Covid, Mise: “Aziende pronte a produrre il principio attivo entro l’autunno”