Iniziate le indagini dopo la scoperta di alcuni casi di epatite misteriosa che ha colpito i bambini.

L’Oms ha lanciato l’allarme e si teme un incremento di casi di questa epatite dall’origine sconosciuta che colpisce i bambini sani. I casi sono stati riscontrati in tutta Europa partendo dal Regno Unito. Ora è partita l’indagine dell’Oms che sta monitorando l’andamento dei casi.

I primi 74 casi sono apparsi nel Regno Unito tra cui 10 in Scozia. In seguito altri 5 casi sono stati rilevati in Irlanda e 3 in Spagna. Il fenomeno monitorato dall’Oms riguarda casi di epatite acuta di origine sconosciuta in bambini sani. “Sebbene alcuni pazienti siano risultati positivi al Sars-CovV-2 o all’adenovirus, è necessario intraprendere la caratterizzazione genetica dei virus per determinare eventuale associazione tra i casi” ha chiarito l’Organizzazione mondiale della Sanità.

L’allarme lanciato dall’Oms è esteso a tutto il mondo. L’organizzazione raccomanda fortemente di “identificare, indagare e segnalare potenziali casi” poiché teme un forte incremento dei casi. Per il momento non “risultano altri fattori di rischio epidemiologico, compresi i recenti viaggi internazionali dei pazienti” spiega l’Oms che ancora non ha imposto restrizioni ai viaggi.

babysitter con bambini
babysitter con bambini

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’Oms indaga sulla malattia sconosciuta rilevata nei bambini piccoli

Ad oggi, ancora non è stata individuata l’eziologia dei casi. L’origine dell’epatite acuta presentata in molti bambini è ancora sconosciuta. L’indagine è attiva e si stanno cercando le cause. L’Organizzazione comunica che si stanno effettuando i test per capire il ruolo di ulteriori infezioni, sostanze chimiche o tossine che potrebbero scatenare l’infezione.

Alcuni casi sono stati individuati anche negli Stati Uniti, in Alabama ma la prevalenza è in Europa. Anche gli Usa stanno collaborando per indagare sui 9 casi di epatite sconosciuta in bambini piccoli. Tutti questi bambini erano risultati positivi all’adenovirus in ottobre. Questo virus potrebbe, in casi gravi, scatenare infiammazioni delle vesciche e occasionalmente epatite ma è molto raro che ciò si verifichi in bambini non immunocompromessi.

Le indagini però non hanno trovato un collegamento tra i vari bambini nelle varie parti del mondo che sono stati colpiti da questo tipo di epatite. I bambini sono tutti molto piccoli, tutti under 10.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-04-2022


Individuati gli autori delle minacce a Di Maio

In Ucraina continua la “derussificazione”