Eredità famiglia Agnelli, scandalo: trovati i 500 milioni spariti dell'Avvocato
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Eredità famiglia Agnelli, scandalo: trovati i 500 milioni spariti dell’Avvocato

John Elkann

Scoperta svolta sull’eredità Agnelli: 500 milioni di euro in conti estero rivelati. Indagini e implicazioni legali per la nota famiglia italiana.

In una svolta clamorosa nel caso dell’eredità Agnelli, emerge finalmente la verità su un tesoro nascosto da 500 milioni di euro. Questa scoperta si collega direttamente alle accuse mosse da Margherita Agnelli, che da tempo sosteneva l’esistenza di fondi occultati. Le indagini condotte dalla Guardia di Finanza hanno portato alla luce che questi fondi erano custoditi in conti esteri situati nei paradisi fiscali, una rivelazione che getta nuova luce sulla complessa vicenda ereditaria della nota famiglia.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Lapo Elkann
Lapo Elkann

Il tesoro di Gianni Agnelli: tra conti estero e accuse

Le investigazioni, incentrate su un’accurata analisi finanziaria, hanno evidenziato come i 500 milioni di euro fossero effettivamente parte di un patrimonio estero di Gianni Agnelli, successivamente trasferito a Marella Caracciolo. Questa cifra, specificatamente menzionata da Margherita Agnelli, era stata investita in 16 società offshore localizzate nelle Isole Vergini britanniche, legate indissolubilmente sia a Gianni Agnelli sia alla sua moglie.

Le implicazioni legali: indagini e accuse

L’inchiesta, portata avanti dalla Procura di Torino, ha messo sotto indagine figure di spicco quali il presidente di Stellantis John Elkann, il commercialista di famiglia Gianluca Ferrero e il notaio svizzero Urs von Grünigen. L’accusa principale riguarda violazioni fiscali, con un fascicolo aperto a seguito di un esposto presentato da Margherita Agnelli, che denunciava la sottrazione di un patrimonio che le spettava di diritto, trasferito prima a sua madre e successivamente ai suoi figli: John, Lapo e Ginevra.

La ricerca del “tesoro” nascosto nei paradisi fiscali ha raggiunto un punto di svolta con la perquisizione in una villa nel quartiere Crocetta di Torino, che ha rivelato tracce dei conti esteri. Questa villa ospita la filiale italiana di una banca privata svizzera, indicando un intricato sistema di gestione finanziaria che coinvolge anche una fiduciaria con legami diretti a personalità chiave indagate.

Questa scoperta non solo illumina aspetti finora oscuri dell’eredità Agnelli ma apre anche nuove domande su gestioni finanziarie e responsabilità legali. La vicenda aggiunge un nuovo capitolo alle accuse preesistenti, comprese quelle relative a firme false, delineando un quadro complesso di questioni ereditarie, legali e finanziarie che ancora attendono risposte definitive.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 16 Febbraio 2024 10:25

Berlusconi, novità per la villa di Arcore: cosa rischia Marta Fascina

nl pixel