Maturità 2020, l’esame ai tempi del coronavirus, tutto quello che c’è da sapere. Le date, i crediti, il criterio di valutazione e la prova da sostenere.

Ha preso forma l’esame di Maturità 2020, fortemente segnato e condizionato dall’emergenza coronavirus. Sono stati sciolti gli ultimi nodi sul criterio di valutazione e sulle prove, quindi, salvo clamorosi colpi di scena che ovviamente nessuno si augura ma che di questi tempi non possono essere esclusi, il copione dell’esame di Stato è scritto.

L’ammissione all’esame di Maturità

Come confermato già nelle scorse settimane, tutti i maturandi saranno ammessi all’esame di Stato. L’ammissione non comporta necessariamente la promozione, come hanno fatto sapere dal Ministero. Inoltre non si tratta di un vero e proprio liberi tutti. In media, in tempi normali, accede all’esame di maturità il 96% degli studenti.

Le date

La Maturità prenderà il via il 17 giugno alle ore 08.30.

Maturità 2020, l’orale

Per quanto riguarda le prove, gli studenti per quest’anno, alla luce della situazione emergenziale, dovranno confrontarsi solo con una prova orale. Ma, assicurano dal Ministero, non si tratterà di una formalità.

La prova orale si svolgerà in presenza. Gli studenti si recheranno a scuola e avranno di fronte sei professori della commissione (tutta interna) e il presidente di commissione (esterno).

La prova orale consisterà nella presentazione di un elaborato che sarà concordato con i docenti. Seguirà quindi la lettura e la discussione di un testo di letteratura italiana. Si procederà quindi con un percorso interdisciplinare e quindi con la valutazione delle esperienze extra-scolastiche.

La situazione ovviamente potrebbe variare in caso di nuovi scenari legati alla diffusione del coronavirus.

Il sistema dei crediti e il voto finale

Una delle domande frequenti riguarda il criterio di valutazione. Il voto finale resta in centesimi (100/100). Avrà un peso specifico sul voto il percorso di studi dello studente.

Per questo motivo il credito del triennio può valere fino a sessanta punti, la soglia promozione quindi. L’ultimo anno vale fino a 22 crediti. Prima del coronavirus si arrivava alla fine del triennio al massimo a quota 40. Ovviamente i crediti di tutto il triennio dei maturandi sarà ricalcolato prima dell’esame in base alle nuove tabelle per l’assegnazione.

La prova orale quindi ha un valore massimo di 40 punti.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

ultimo aggiornamento: 08-05-2020


Brusaferro (ISS), “Curva decresce in tutte le Regioni”

Protezione Civile chiede di prorogare lo stato di emergenza sanitaria fino a gennaio