Il video inedito della drammatica esplosione a Ravanusa. Il filmato, trasmesso dal Tg1, è agli atti dell’inchiesta. Proseguono le indagini sulla tragedia.

Il Tg1 ha trasmesso un video inedito della drammatica esplosione avvenuta a Ravanusa, nella quale hanno perso la vita nove persone e il piccolo Samuele, morto nel grembo della mamma a pochi giorni dal parto. Il filmato in questione è agli atti dell’inchiesta.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Ravanusa, il video inedito dell’esplosione

Il video in questione, messo agli atti dell’inchiesta, è stato registrato da alcune telecamere di sicurezza installate nei pressi del punto dell’esplosione. Nel filmato, mandato in onda nel Tg1 delle 20.00 del 2 gennaio si vede una macchina che transita nei pressi della palazzina e poi un lampo, quello della drammatica esplosione che ha causato il crollo della palazzina.

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco

Le indagini: analisi strumentali nell’area rossa

Per quanto riguarda le indagini sulla vicenda, ad inizio gennaio si procederà con le analisi strumentali nell’area dell’esplosione. Inoltre le autorità hanno proceduto con l’iscrizione nel registro degli indagati dei vertici nazionali e regionali di Italgas.

Si tratta, come specificato, di un atto dovuto. In questo modo è possibile procedere con le indagini e gli accertamenti sulla vicenda. Non solo. Come evidenziato dalla Procura, si tratta di un provvedimento a tutela dei soggetti che risultano indagati. Questo perché le autorità competenti dovranno effettuare degli accertamenti nella zona della tragedia. I soggetti interessati, che risultano indagati, potranno seguire le operazioni e potranno avvalersi dell’assistenza di un avvocato difensore e di consulenti di parte.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 03-01-2022


Omelia ‘no vax’ a Casorate Primo, i fedeli lasciano la chiesa

Covid, con Omicron si può arrivare a 2 milioni di positivi. Ospedali a rischio