Sono queste le parole di Russell, il pilota della Mercedes ha vinto la Sprint Race del Gran Premio di Brasile della F1.

George Russell vince la Sprint Race del Gran Premio di F1 in Brasile sul circuito di Interlagos. Gara che lo vede sorpassare prima Magnussen e poi proprio il campione del mondo Max Verstappen. La Red Bull infatti, sbaglia la strategia usando un set di gomme gialle con Max Verstappen. Gomme che non funzionano con queste attuali condizioni di pista. Il pilota olandese ebbene non riesce, quindi, a scappare dopo aver sorpassato il danese della Haas, Kevin Magnussen.

Bellissima quindi la lotta con George Russell che con una Mercedes rinata riesce a conquistare, dopo un duro duello con l’olandese, la prima posizione. Arrivando fino alla fine al traguardo senza particolari problemi.

Lewis Hamilton Mercedes
Mercedes

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole del vincitore Russell

Ecco le dichiarazioni post gara di George Russell ai microfoni di Sky Sport F1: “È stata una gara incredibile, non mi aspettavo di avere così tanto passo, ma questo dimostra quanto lavoro ci stanno mettendo tutti in squadra e quanto siamo cresciuti nelle ultime tre gare da Austin. La macchina sta andando davvero alla grande, ma non so come sarebbe andata se Max se avesse avuto le soft, ma ci prendiamo questa vittoria.”

Conclude così il britannico dopo la splendida gara: “In una gara Sprint è difficile, perché devi gestire i rischi, e anche se volevo puntare alla vittoria non volevo esagerare. Ho cercato di cogliere l’occasione e ci sono riuscito. È impensabile partire dalla prima fila domani, ma dimostra ancora il grande lavoro che abbiamo fatto, sarà una bella lotta, anche perché Max recupererà di sicuro, ma con la nostra posizione di partenza possiamo puntare sulla strategia per cercare la vittoria“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Formula 1

ultimo aggiornamento: 12-11-2022


F1, Ferrari: disastro nelle qualifiche nel GP del Brasile

F1, Russell: “sono veramente fiero”