Sono queste le di Max Verstappen a Sky dopo le qualifiche del Gran Premio di Singapore di F1, così il leader del mondiale.

Max Verstappen partirà solamente ottavo durante il Gran Premio di F1 a Singapore. Weekend molto duro sia dentro che fuori la pista per il team Red Bull. Ottima prestazione in pista già dal venerdì, pole position bruciata a causa di un errore di calcolo nel carico di carburante sulla monoposto del leader del mondiale. Troviamo un Verstappen molto ma molto arrabbiato durante le interviste di rito che non si risparmia verso i suoi ingegneri per l’errore commesso.

Max Verstappen
Max Verstappen

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La rabbia

Ecco le sue dichiarazioni del pilota olandese della Red Bull F1, così a Sky Sport: “Avevamo finito la benzina e se avessi completato quel giro non avrei avuto abbastanza carburante sulla vettura. Questi sono degli aspetti che si possono controllare nel Q3, e ce ne saremmo dovuti accorgere prima, ma non è accaduto ed è per questo che ho dovuto abortire anche il giro precedente. Mi era stato detto di dare tutto nell’ultimo giro.

Aggiunge l’attuale campione del mondo Max Verstappen: “Con il senno di poi è stata una decisione sbagliata, ma io non sono a conoscenza del livello di carburante in macchina. Non è accettabile quanto accaduto. Anche quando commetto io un errore non è accettabile, ma entrambe le parti devono cercare di fare il meglio possibile. Quello che è successo oggi non dovrebbe accadere“.

Si prospetta, quindi, una gara di rimonta per il pilota della scuderia della Red Bull che sembra essere poco positivo in vista del Gran Premio di domani: “La gara è compromessa. Questo non è un circuito come Spa o Monza dove puoi superare agevolmente per poi andare a vincere. Credo che domani per me sarà una corsa molto frustrante e sarò bloccato dietro molte vetture”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Formula 1

ultimo aggiornamento: 01-10-2022


Come controllare il saldo punti della patente online, al telefono e con la App

F1, Perez: “Non ho idea di cosa sia successo”