I circoli di estrema destra avrebbero fatto circolare false affermazioni sul conto di Paul Pelosi, dopo l’aggressione di venerdì.

L’aggressione avvenuta venerdì scorso nell’abitazione in California della coppia Pelosi, ha avuto risvolti spiacevoli per quanto riguarda le dicerie emerse. Paul, il marito della presidente della Camera dei rappresentanti Usa, è stata vittima di un’aggressione da parte di un intruso. Le affermazioni di estrema destra avrebbero insinuato che l’accaduto fosse stata una conseguenza di una lite tra l’uomo e l’intruso con cui aveva una relazione omosessuale.

Nancy Pelosi
Nancy Pelosi

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’aggressione

Paul Pelosi, il marito della presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, il 28 ottobre è stato aggredito da un intruso che si è introdotto nella loro casa in California, munito di martello. L’uomo è stato portato d’urgenza in ospedale, dove è stato operato in seguito ai colpi di martello ricevuti dall’aggressore.

David DePape, il 42enne che ha aggredito Paul, sembrerebbe aver già inneggiato in precedenza a Hitler sui social. E’ stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio: David sarebbe entrato nell’abitazione dalla porta sul retro rompendo un vetro, e avrebbe poi legato Paul nell’attesa che tornasse sua moglie, la quale non era in casa nel momento dell’incidente.

False affermazioni sull’accaduto

Poco dopo l’accaduto, sarebbero iniziate a circolare delle affermazioni infondate nei circoli di estrema destra, che infangavano l’immagine di Paul. E’ stato il nuovo capo di Twitter, Elon Musk, ad amplificare queste informazioni facendole diventare virali, eliminando però il suo tweet senza alcuna spiegazione ore dopo. “C’è una piccola possibilità che ci possa essere di più in questa storia di quanto sembri”, aveva detto Musk in risposta a un tweet dell’ex candidata alla presidenza democratica Hillary Clinton.

Prima su tutte, lo scoop che si è cercato di divulgare come veritiero, che riguardava la presunta relazione omosessuale che Paul Pelosi avesse con l’aggressore David DePape, dalla cui sarebbe nata una lite da ubriachi quel giorno. Le ipotesi, però, non corrispondono ai resoconti ufficiali dell’incidente, utilizzate per supportare la narrazione.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 02-11-2022


Twitter, Elon Musk e i video a pagamento

Rave party: come funziona negli altri paesi Ue