Roger Federer, tennista svizzero di fama internazionale, ha giocato la sua ultima partita prima di ritirarsi dall’agonismo.

Il tennista svizzero Roger Federer ha chiuso la sua carriera da tennista. È la fine di un’era alla Laver Cup: il tennista ha giocato la sua ultima partita a Londra, in un doppio, insieme ad un suo amico nonché rivale da sempre, Rafa Nadal.

Nonostante la magnifica partita, i due sono stati sconfitti dalla coppia statunitense composta da Jack Sock e Frances Tiafoe.Il campione, in lacrime, ha dichiarato: “Non volevo sentirmi solo oggi, per questo ho scelto di dire addio in una competizione a squadra”.

Federer, visibilmente commosso, abbandona il tennis agonistico e si lascia alle spalle una brillante carriera da sportivo. Sono oltre 1200 match vinti, 103 titoli ATP, 20 Slam di cui otto volte Wimbledon. Feder ha vinto anche l’oro olimpico in doppio ai Giochi di Pechino, la Coppa Davis vinta a Lille nel 2014.  

Tennis

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La sconfitta

Dopo aver vinto al primo set, la coppia americana ha sopraffatto i due europei, facendoli scendere al terzo set con un 11-9 al super tie-break. Le parole di Roger Federer verso la fine del set: “È stata una giornata fantastica, sono felice di essere qui. Mi sono goduto tutti i gesti un’ultima volta, sono qui con amici, fans e famiglia. Temevo di stirarmi, ero davvero stressato. Sono arrivato alla fine, la partita è stata stupenda. È stato fantastico avere al mio fianco Rafa e tutte le leggende che sono arrivate qui per me”.

Poi il tennista ha aggiunto: “Non volevo sentirmi solo oggi, per questo ho scelto di dire addio in una competizione a squadra. Mi sono sempre sentito in un team. Volevo una festa, era quello che speravo. È merito di Mirka (la moglie) se sono qui, avrebbe potuto fermarmi tempo fa. Grazie alla famiglia e a tutti voi”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 24-09-2022


Elezioni 2022: tutto quello che c’è da sapere prima di votare

Russia, la storia di Aleksandr in fuga dalla guerra