Federica Brignone: una rimonta epica a Are che segna la storia
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Federica Brignone: una rimonta epica a Are che segna la storia

Federica Brignone

Federica Brignone realizza una storica rimonta nel gigante di Are, conquistando la sua 26a vittoria in Coppa del Mondo.

Nel mondo dello sci alpino, certe gare si trasformano in leggende, e la recente performance di Federica Brignone nel gigante di Are si è guadagnata un posto d’onore in questa categoria. Con una rimonta mozzafiato, la sciatrice valdostana ha aggiunto il suo 26° successo in Coppa del Mondo, dimostrando ancora una volta il suo incredibile talento e la sua determinazione.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Federica Brignone
Federica Brignone

Una prima manche sfidante

La competizione è iniziata con la padrona di casa, la svedese Sara Hector, che ha sfruttato al meglio il pettorale numero 1 e la profonda conoscenza del pendio per imporsi nonostante le avverse condizioni meteorologiche. La sua performance ha messo in luce le difficoltà del tracciato, in particolare nella parte alta, dove ha guadagnato un vantaggio significativo sulle avversarie.

Tra queste, Lara Gut-Behrami si è distinta, approfittando dell’assenza di Mikaela Shiffrin e chiudendo la prima manche al secondo posto, con Federica Brignone che, nonostante alcune difficoltà iniziali, ha mantenuto una posizione di rilievo, chiudendo terza e tenendo vive le speranze per la seconda manche.

La rimonta di Brignone

Con le condizioni meteo in miglioramento e una strategia audace, Brignone ha saputo sfruttare ogni opportunità nella seconda manche. La decisione degli organizzatori di abbassare il cancelletto di partenza ha giocato a suo favore, permettendole di esprimere al meglio le sue capacità e di attaccare con decisione il tracciato, caratteristica che l’ha distinta lungo tutta la sua carriera.

Il risultato è stato straordinario: Brignone ha superato ogni avversaria, inclusa Hector, che ha dovuto accontentarsi del secondo posto, e Gut-Behrami, che nonostante un buon risultato vede ora ridursi il proprio vantaggio nella classifica di specialità.

Ora, con le finali di Saalbach all’orizzonte, Brignone si trova a 95 punti di distacco da Gut-Behrami nella classifica di gigante. Questa posizione la pone in una situazione di dover sperare in un passo falso dell’avversaria e, al contempo, vincere per aggiudicarsi la seconda sfera di cristallo della sua carriera.

La gara di Are ha dimostrato non solo l’incredibile talento di Federica Brignone, ma anche la sua capacità di non arrendersi mai e di trasformare ogni sfida in un’opportunità. La sua rimonta è un messaggio di speranza e di ispirazione per tutti gli atleti, confermando ancora una volta che nel mondo dello sport, la determinazione e la strategia possono fare la differenza.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 9 Marzo 2024 16:58

La Juventus e il futuro post-Allegri: chi sarà il prossimo allenatore?

nl pixel