In Italia la banda ultra larga dovrebbe arrivare a coprire l’intero territorio nazionale entro un paio d’anni.

In Italia la banda ultra larga dovrebbe arrivare a coprire l’intero territorio nazionale entro un paio d’anni, colmando il gap storico accumulato rispetto ad altri paesi europei come la Germania, dove il processo di digitalizzazione è senz’altro più avanti.

Secondo i dati del sito web ufficiale del governo bandaultralarga.italia.it, ad oggi circa il 30% degli italiani sono raggiunti dalle connessioni internet di massima qualità, con una velocità da 100 Mbps fino a 1 Gbps.

La copertura dei comuni italiani con una rete a banda ultralarga ad almeno 30 Mbps arriva invece al 66,6%. L’obiettivo è salire al 92% degli immobili raggiunti dalla fibra entro il 2022, come indicato dal piano di Open Fiber presentato a Infratel, un obiettivo ambizioso che potrebbe ridurre il digital divide e rilanciare l’economia del nostro Paese.

Fibra Ottica
Fonte foto: https://pixabay.com/it/illustrations/fibra-laser-ottica-3821957/

Il futuro della fibra in Italia: verso la rete unica?

Parallelamente, in Italia si sta anche lavorando a un progetto che ha come fine ultimo quello della creazione di una rete unica per il controllo della fibra. Un impegno che attualmente coinvolge la Cassa depositi e prestiti, Fastweb e Tim, per quello che riguarda le aziende di telecomunicazioni, e appunto Open Fiber.

Più nel dettaglio, l’obiettivo è quello di dare origine in prima istanza alla società FiberCop, di cui sarebbero azionisti proprio Tim e Fastweb insieme con Kkr, un fondo statunitense che ha deciso di investire nel progetto italiano, riconoscendone le grandi potenzialità.

Nella fase iniziale del progetto, FiberCop avrà in gestione la rete secondaria delle telecomunicazioni, vale a dire quella in rame. Il tutto per creare le migliori condizioni possibili per una successiva fusione con Open Fiber: da quest’unione nascerebbe AccessCo, la società unica che si occuperebbe di gestire in esclusiva la rete a banda larga nel nostro paese.

Cos’è la fibra ottica

In attesa di tutti gli sviluppi che avranno luogo in merito all’ampliamento della copertura e alla rete unica, è importante capire cos’è e come funziona la fibra ottica, per scoprire tutti i vantaggi legati al passaggio da una connessione internet tradizionale a una superveloce.

Le nuove infrastrutture in fibra ottica rappresentano un’evoluzione tecnologica importante, infatti si tratta di reti avanzate e più efficienti rispetto a quelle tradizionali che utilizzano i cavi in rame, come le linee ADSL. La fibra è composta da cavi realizzati da filamenti in fibra di vetro o materiali di origine plastica dallo spessore estremamente ridotto.

Questi cavi sono in grado di trasportare una quantità elevata di dati, inoltre sono leggeri, robusti e risentono meno di alterazioni dovute a interferenze elettriche e variazioni di temperatura. Ovviamente, le reti in fibra non sono tutte uguali, infatti le prestazioni dipendono dalla configurazione della linea. Per questo motivo bisogna sempre verificare la copertura della fibra ottica della propria area di riferimento, così da determinare preventivamente quante e quali possibilità si hanno a disposizione per la casa o l’ufficio.

Il sistema più efficiente è quello cosiddetto FTTH, in cui i cavi in fibra arrivano fino all’abitazione, un’opzione che garantisce i migliori standard attualmente disponibili con una velocità di navigazione fino a 1 Gbps. Al contrario, se la fibra raggiunge le cabine stradali per poi proseguire con i cavi in rame le prestazioni possono arrivare a 200 Mbps in download.

Come funzionano le connessioni internet in fibra

Nonostante si tratti di una tecnologia complessa, il funzionamento della fibra ottica è abbastanza semplice. All’interno dei cavi in fibra di vetro o polimeri plastici, infatti, i dati vengono trasportati sfruttando la luce al posto dei segnali elettrici, un sistema che permette di ottenere una velocità particolarmente alta per raggiungere il limite di 1 Gigabit al secondo in download.

Questo standard è in assoluto il migliore attualmente disponibile per le connessioni internet cablate, allo stesso tempo è vincolato da alcuni fattori. Innanzitutto, è necessario controllare la copertura di rete, per capire se nella propria zona è già presenta l’infrastruttura in fibra ottica. Inoltre, per mantenere queste performance anche all’interno dell’abitazione, bisogna seguire alcuni piccoli accorgimenti.

Ad esempio, è importante usare un modem di ultima generazione, configurato in base al numero di dispositivi da collegare alla rete. In più, i device elettronici devono essere moderni e non obsoleti.

Come verificare la copertura di rete in fibra

Chi desidera passare a una connessione internet più veloce, sostituendo la rete ADSL con i cavi in rame con una linea in fibra ottica, deve necessariamente verificare la copertura.

Soltanto in questo modo è possibile scoprire se l’infrastruttura è realmente disponibile nella propria zona, affinché si possano analizzare le proposte degli operatori e scegliere la migliore offerta internet fibra per la casa.

Per effettuare il controllo esistono diversi metodi, ad esempio utilizzando un portale specializzato delle comparazioni delle tariffe, oppure rivolgendosi direttamente ai provider di servizi. Questa operazione permette di scoprire le tecnologie disponibili al momento, per capire quali sono le prestazioni massime raggiungibili per quanto riguarda la velocità in download, in upload e il ritardo della connessione internet.

Quali sono i vantaggi della fibra ottica

Attivare una connessione in fibra ottica consente di usufruire di alcuni vantaggi importanti, soprattutto se risulta possibile utilizzare una struttura di tipo FTTH, con i cavi che arrivano fino all’abitazione abbandonando del tutto la vecchia linea in rame.

Senza dubbio il beneficio principale è la velocità di navigazione, tuttavia la fibra non solo permette di aumentare la rapidità della connessione ma anche di migliorarne la stabilità e supportare un numero maggiore di dispositivi collegati allo stesso tempo.

Ovviamente, è indispensabile avere anche un modem adeguato, equipaggiato con standard Wi-Fi evoluti come il protocollo di sesta generazione e l’opzione a doppia banda. La fibra ottica è una struttura compatibile con le esigenze digitali di oggi, assicurando prestazioni elevate per lo streaming video, il gaming, lo smart working e la smart home, per sfruttare appieno tutte le potenzialità delle moderne tecnologie virtuali per una vita digitale più confortevole e produttività.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/illustrations/fibra-laser-ottica-3821957/

Coronavirus, online la nuova autocertificazione


Mascherine in tessuto: cresce la richiesta nel post Covid

Equinozio d’autunno, tutto quello che c’è da sapere