Figliuolo alle Regioni sulla seconda dose del vaccino contro il Covid ai giovani: “Massima flessibilità per il richiamo”.

Il Commissario all’emergenza Francesco Figliuolo ha inviato una comunicazione alle Regioni chiedendo di essere flessibili per quanto riguarda la data del richiamo del vaccino contro il Covid ai giovani.

Ho firmato una lettera per le Regioni. Dare massima flessibilità vuol dire poter scegliere la data migliore già in fase di prenotazione e poter spostare il richiamo nel range dei 42 giorni o delle 4-12 settimane“, ha comunicato il Commissario Figliuolo.

Vaccino coronavirus
Vaccino coronavirus

Vaccino Covid, Figliuolo alle Regioni: “Dare massima flessibilità per richiamo ai giovani”

Figliuolo ha chiesto alle Regioni di essere flessibili per quanto riguarda la prenotazione della seconda dose del vaccino ai più giovani, ora al centro della nuova fase della campagna di vaccinazione.

”Dare massima flessibilità vuol dire poter scegliere la data migliore già in fase di prenotazione con un numero verde o online e poter spostare il richiamo nel range dei 42 giorni o delle 4-12 settimane. Ovviamente nei tempi tecnici di riadeguamento dei sistemi informatici”, ha spiegato Figliuolo ai microfoni della RAI illustrando la sua proposta.

Francesco Paolo Figliuolo
Francesco Paolo Figliuolo

L’appello ai genitori dei ragazzi dai 12 ai 15 anni

Il Commissario ha anche rivolto un appello ai genitori dei ragazzi tra i 12 e i 15 anni, invitati a vaccinare i propri figli fidandosi della scienza. La vaccinazione dei più giovani ha un doppio valore: proteggere chi non è vaccinato e garantire la ripresa in sicurezza della scuola.

La seconda dose eterologa

Figliuolo ha anche parlato della seconda dose eterologa, ossia la somministrazione della seconda dose differente dalla prima per le persone che hanno fatto la prima dose con AstraZeneca.

Dal punto di vista scientifico ci sono degli studi, anche avanzati, che devono ancora trovare ulteriore conferma, per poter fare la seconda dose cosiddetta ‘eterologa’: cioè fare una prima dose di AstraZeneca e per alcuni casi particolari o perché magari in quel momento AstraZeneca non è disponibile fare il richiamo con i vaccini a mRna come Moderna, Pfizer o Curevac. E questo dal punto di vista immunologico sembra che dia un’ottima risposta ma certamente io non mi permetto di entrare nel campo degli scienziati“.

TAG:
vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 03-06-2021


Vaccino Pfizer, casi di miocardite tra i giovani: potrebbe esserci un nesso

Scomparsa Denise, la Procura riapre l’indagine. Spuntano delle intercettazioni tra Anna Corona e la figlia