La carriera e gli incarichi di Filippo Patroni Griffi, magistrato ed ex ministro, eletto giudice della Corte Costituzionale.

Magistrato con grande esperienza nel mondo della politica, Filippo Patroni Griffi, eletto Giudice della Corte Costituzionale alla fine del 2021, è tornato alla ribalta a gennaio 2022 quando molti quirinalisti lo hanno indicato come candidato a sorpresa nella corsa per l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Chi è Filippo Patroni Griffi

Nato a Napoli il 27 agosto 1955, Patroni Griffi è figlio di un magistrato. Dopo gli studi classici consegue la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Napoli. Entrato in magistratura, diventa consigliere di Stato nel 1985. Ne diventerà Presidente nel 2018. Alla fine del 2021 viene eletto giudice della Corte Costituzionale.

giustizia aula tribunali
giustizia aula tribunali

Gli incarichi politici

Per quanto riguarda l’attività politica, Patroni Griffi è stato capo di gabinetto di Giuliano Amato, ministro per le riforme istituzionali nel governo D’Alema I. Inoltre è stato capo di gabinetto della funzione pubblica di Renato Brunetta nel quarto governo guidato da Silvio Berlusconi. Nel corso della sua carriera politica il magistrato è stato anche ministro della Pubblica Amministrazione nel governo Monti. Resta al governo anche con Letta Premier, con la carica di Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio.

Anche Filippo Patroni Griffi nella corsa per l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica

A pochi giorni dalla prima votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica, il nome di Patroni Griffi entra nel calderone del toto-Quirinale. Il suo è presentato dagli esperti come un nome a sorpresa ma in grado di mettere d’accordo Centrodestra e Centrosinistra. In effetti si tratta di una figura senza uno spiccato colore politico, come dimostra la sua storia.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 20-01-2022


Quirinale, la mossa a sorpresa di Salvini

Berlusconi e i 70mila euro a Julinda Llupo: l’indiscrezione di ‘Domani’