Vigilia di campionato per la Fiorentina di mister Vincenzo Italiano, i viola ospiteranno domani alle 12:30 il Bologna al Franchi.

Vincenzo Italiano, allenatore della Fiorentina, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della partita casalinga contro il Bologna. Queste le sue parole:

“Questa partita somiglia a quella dell’andata. Dovevamo cercare di dare continuità per tornare alla vittoria. Avevamo reagito bene, facendo una grande partita. Domani penso che sia simile. Abbiamo bisogno di tornare a vincere e dare un segnale a noi stessi. Il Bologna ha sempre qualcosa da tirare fuori. Dà noia a tante squadre. Vince 3-0 a Sassuolo, poi quando è in difficoltà vince con lo Spezia. Per me è temibilissima, può fare gol in tutte le maniere, Arnautovic è un campione. Dobbiamo essere diversi sotto l’aspetto caratteriale.”

Sugli esterni offensivi: “Non dobbiamo più chiamarli esterni ma attaccanti. Devono pensare di essere dei calciatori che se a fine partita non hanno un assist, un gol o un tiro in porta allora è stata una partita negativa. Devono aumentare la presenza in zona gol. Se dovessimo ottenere questo, nel finale di stagione possiamo ambire a qualcosa di importante.”

Krzysztof Piatek
Krzysztof Piatek

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Italiano parla dei singoli giocatori

Così il tecnico della Fiorentina, Italiano su Piatek: “Mi impressiona la professionalità. Ha tanta voglia di migliorare, sembra un ragazzino. Il gol che ha fatto contro il Verona è segno di qualità che dimostrano come dentro l’area vede la porta ad occhi chiusi. Gli faccio sempre i complimenti.”

Su Odriozola: “Si è allenato a parte tutta la settimana. Poi ieri ha fatto differenziata e il ginocchio ha risposto bene, è recuperato ed è a disposizione.”

Conclusione su Cabral: “Continua ad alternare momenti in cui a livello fisico ha qualche problemino. Anche lui ha bisogno di lavorare e crescere sotto ogni punto di vista. Sono felice per il suo gol. Adesso però abbiamo Piatek che sta sfruttando le sue chances: chi merita la maglia la ottiene. Chi è bravo a mantenerla è giusto che abbia la possibilità di rigiocare. Cabral ha qualità, le farà vedere.”

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news

ultimo aggiornamento: 12-03-2022


Napoli, Spalletti: “Il tempo delle parole è un po’ finito”

Verona, Tudor: “Osimhen è l’attaccante più forte? No, per me è Vlahovic”