Fiorentina-Juventus, le probabili formazioni della semifinale di andata di Coppa Italia. Nei bianconeri gioca dal primo minuto Aké.

Giornata di sfida tra Fiorentina e Juventus. Gruppo quasi al completo per la Fiorentina: l’unico assente è Martinez Quarta, che deve scontare il rosso preso a Bergamo contro l’Atalanta ai quarti. Italiano che manderà in campo la miglior formazione possibile ad eccezione del portiere.

Terracciano andrà in porta, Odriozola a destra e Biraghi a sinistra saranno i terzini. Centrali Igor e Milenkovic con il secondo che sarà osservato speciale dagli osservatori bianconeri. Centrocampo con Bonaventura e Castrovilli mezzali con Torreira regista se non dovesse farcela possibile utilizzo di Amrabat. Davanti il tridente è Nico Gonzalez e Sottil a supporto di Piatek.

Coppa Italia
Coppa Italia

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La formazione dei bianconeri

Le tantissime assenze per Max Allegri si faranno sentire sull’undici titolare della Juventus: Alex Sandro, Chiellini, Bonucci (che andrà in panchina), Rugani, McKennie, Zakaria, Bernardeschi, Chiesa, Dybala e Kaio Jorge. Lancia spazio a giovani come Soulé, Aké, Miretti e Stramaccioni, quest’ultimo lo si ricorda per un non proprio leggero contrasto in allenamento con Rabiot.

Per quarto riguarda la formazione dovrebbe essere la seguente: Perin tra i pali, trio difensivo composto da Danilo, De Ligt e De Sciglio. Centrocampo con Aké largo a destra e Luca Pellegrini a sinistra, nel mezzo a centrocampo Locatelli, Arthur e Rabiot. Davanti la coppia Vlahovic e Morata. A disposizione dalla panchina Bonucci, Stramaccioni, Cuadrado, Miretti, Soulé e Kean.

Vedremo se la Fiorentina riuscirà ad approfittare della situazione dei bianconeri che devono affidarsi ai giovani per provare a vincere.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news Juventus

ultimo aggiornamento: 02-03-2022


Balotelli: “Ho perso alcune occasioni per essere a quel livello”

Fiorentina, Odriozola: “Futuro? quando sarà, cercherò di capire tante cose”