Il Fondo Monetario Internazionale al G20 ha presentato il difficile quadro economico e le sfide che ci attendono.

Le prospettive economiche globali sono “più cupe”, lo ha rivelato il Fmi al vertice del G20 a Bali. L’economia mondiale si è indebolita con il materializzarsi di rischi al ribasso e le sfide che si prospettano per l’immediato futuro sono “immense”. Il quadro presentato dal Fondo monetario internazionale è molto più difficile di quanto non lo fosse un mese fa, di quello presentato al World Economic Outlook.

Da lì c’è stato un progressivo indebolimento economico per i paesi del G20. “Una quota crescente di paesi del G20 è passata dal trovarsi in territorio di espansione all’inizio dell’anno a livelli che segnalano contrazione”, ha affermato l’economista Gudmundsoson. Quindi, è necessario contenere l’inflazione come priorità. Inoltre, è altrettanto importante proteggere i paesi più deboli.

disavanzo commerciale soldi merce bilancia
disavanzo commerciale soldi merce bilancia

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le difficoltà cresceranno andando avanti: l’allarme del Fmi

Il Fmi, quindi, avverte i governi dei paesi di mettere a punto di riduzione del debito più ambiziosi nel medio termine in diverse economie del G20, inclusa l’Italia. “Nel medio termine più ambiziosi piani di riduzione del debito sono desiderabili in diverse economie per ricostituire i cuscinetti fiscali (ad esempio India, Francia, Italia, Giappone, Sud Africa e Spagna)”, spiega il Fondo dicendo che “la combinazione di una politica di bilancio più rigorosa e di riforme strutturali servirebbe a ridurre materialmente il peso del debito pubblico nel medio termine.”

L’Italia, insieme a India, Spagna e Sud Africa sono economie “senza spazio di bilancio” e avranno un calo nei prossimi anni. In questo contesto sono necessarie riforme strutturali per rafforzare la crescita e aiutare l’attività economica. In paesi come in Francia, Germania e Italia riforme del mercato del lavoro faciliterebbero la riqualificazione dei lavoratori, spiega il Fmi.

Il Fondo inoltre esorta le economie ad un’azione congiunta per una “ripresa forte, bilanciata e inclusiva” proprio per la prospettiva futura delle sfide che attendono l’economia che sono immense e crescono man mano che si va avanti.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 14-11-2022


Tridico sul reddito di cittadinanza: “Non incentiva a stare sul divano”

Bonus bollette e bonus carburante, sono compatibili?