Cos’è e cosa fa la Fondazione Gimbe guidata ormai da anni da Nino Cartabellotta. Ecco tutti i dettagli.

ROMA – In questa pandemia abbiamo scoperto la Fondazione Gimbe, un’associazione indipendente che ogni settimana pubblica il suo report sul Covid. Ma andiamo a vedere meglio di cosa si occupa questo gruppo di lavoro, guidato da Nino Cartabellotta, che ha come principale obiettivo quello di migliorare la salute delle persone e allo stesso tempo di rendere sostenibile il servizio sanitario e pubblico.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Cos’è la Fondazione Gimbe

La Fondazione Gimbe, come detto, ha l’obiettivo di rendere sempre ottimale la salute dei cittadini e provare naturalmente a far diventare sostenibile il servizio pubblico e sanitario. E lo fa attraverso diverse attività di integrazione delle migliori evidenze scientifiche oltre che naturalmente tramite l’educazione continua in medicina e la formazione di diversi giovani.

Essendo una fondazione senza scopo di lucro e autonoma, non ha nessun coinvolgimento dal punto di vista politico e i suoi monitoraggi sul Covid sono sempre stati indipendenti. Nonostante questo, non sono mancate critiche e naturalmente degli attacchi al suo presidente Nino Cartabellotta. Ma il gruppo di lavoro non si è mai fermato e continuerà a lavorare anche in futuro per rendere ancora più agevole la vita degli italiani.

Coronavirus
Coronavirus

Il lavoro minuzioso sul Covid

Come detto in precedenza, la Fondazione Gimbe è diventata conosciuta per il suo lavoro minuzioso sul Covid. Naturalmente questi monitoraggi continueranno nei prossimi giorni e l’obiettivo è sempre quello di informare il cittadino in modo dipendente.

Vedremo se la fine dello stato di emergenza porterà ad un cambio di lavoro almeno per quanto riguarda le tempistiche oppure si continuerà in futuro con lo stesso metodo messo in campo in passato e che sembra essere stato apprezzato da molti cittadini.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 24-03-2022


Roma, momento duro per le imprese: chiusi 4400 ristoranti e bar

E se esplodesse una bomba atomica in Italia? Ecco una simulazione