Fondi russi alla Lega, nei telefoni degli indagati ci sarebbe la conferma di accordi criminali raggiunti forse in occasione del vertice al Metropol di Mosca.

Moscopoli, l’analisi dei telefoni cellulari e dei computer degli indagati sta portando alla luce diversi dettagli sul caso dei fondi russi alla Lega. Complicando la posizione di Savoini.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La trattativa al Metropol di Mosca

Secondo gli inquirenti, in occasione del vertice al Metropol di Mosca, italiani e russi avrebbero fatto una vera e propria trattativa. Le parti avrebbero trovato un accordo (di massima almeno) sulla compravendita di tre milioni di tonnellate di prodotti petroliferi.

Gianluca savoini
Fonte foto: https://www.facebook.com/gianlucasavoini

Fondi russi alla Lega, sessantacinque milioni nella casse del Carroccio?

L’operazione avrebbe celato due pagamenti occulti. Uno destinato alla Lega di Matteo Salvini, cui sarebbe andato il 4%, e uno agli intermediari russi, che avrebbero messo le mani su una percentuale tra il 2 e il 6%. Nelle casse del Carroccio sarebbero andati sessantacinque milioni di euro. Il tutto sarebbe testimoniato anche da una foto rintracciata dagli inquirenti italiani.

Salvini e Savoini
Fonte foto: https://www.facebook.com/lombardiarussia

La figura di Gianluca Savoini

La figura centrale nelle indagini resta Gianluca Savoini, uomo vicino alla Lega e alla Russia presidenziale. Nel documento nel quale le autorità confermano il sequestro del materiale del presidente dell’Associazione Lombardia Russia, i giudici confermano la validità dell’audio pubblicato da BuzzFeed. Da quella registrazione all’hotel Metropol sono partite le indagini delle autorità italiane sui rapporti tra la Lega e la Russia e sul presunto finanziamento. Di cui non ci sarebbe ancora traccia fisica.

Secondo gli inquirenti, al di là della riuscita dell’affare, il materiale a disposizione dimostra la cristallizzazione degli accordi criminali. E l’atteggiamento eccessivamente prudente degli attori protagonisti della vicenda suggerisce che l’operazione concordata con i russi non fosse propriamente trasparente.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 05-10-2019


Lavoratori Whirlpool in piazza a Roma. Patuanelli: “Mi siederò al tavolo solo se verrà ritirata la cessione”

Trieste, la ricostruzione della sparatoria davanti alla Questura