E’ stata presentata la Aston Martin per la prossima stagione di Formula 1. Stroll sr: “Vogliamo vincere”.

ROMA – La Formula 1 entra nel vivo e le scuderie iniziano a svelare la propria monoposto. Il 10 febbraio è stato il giorno di conoscere la Aston Martin di Sebastian Vettel e Lance Stroll. Dopo un 2021 forse un po’ sotto le aspettative, la scuderia guidata dal padre del canadese ha voglia di ritornare a competere almeno in ogni gara per il podio anche se il cammino non è assolutamente semplice.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La nuova Aston Martin

La nuova Aston Martin è pronta a fare il suo esordio a Barcellona. Come fatto capire dalla stessa Red Bull nelle scorse ore, i test in Spagna sono solo un primo appuntamento. La strada, però, è ancora lunga e non è detto che la gerarchia che uscirà dai test iberici sarà la stessa che vedremo durante la gara di esordio.

Per questo motivo il consiglio degli esperti è sempre quella di prendere con le pinze qualsiasi risultato ed iniziare a guardare con attenzione solo cosa dirà la prima gara. Quindi attenzione a dare per fuori dai giochi qualsiasi squadra oppure esaltare i risultati della scuderia. Dietro l’angolo ci sono sempre le sorprese e soprattutto modifiche.

GP Formula 1
GP Formula 1

Lawrence Stroll sicuro: “Entro cinque anni lotteremo per il titolo”

Un quinquennio per lottare per il titolo. “Vogliamo vincere – ha assicurato Lawrence Stroll riportato da La Gazzetta dello Sport – ma vincere non è semplice e per questo ci siamo dati cinque anni di tempo. Ma bisogna capire anche come cresceremo come squadra. Per conquistare il titolo in questo sport tutto deve essere al posto giusto e combaciare […]. In Aston Martin i nostri partner sono eccezionali e per questo motivo siamo certi di poter ben presto lottare per i vertici“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 10-02-2022


Auto, il governo lavora ad un decreto per rilanciare il settore

In Canada continuano le proteste contro le regole anti-Covid: Toyota e Ford chiudono gli stabilimenti