Formula 1, le prime indiscrezioni sulla Ferrari del 2022: come sarà la nuova monoposto e cosa cambierà rispetto a quella del 2021.

Prende forma la Ferrari 2022: partita la parte di produzione, a novembre inizierà la prima fase di assemblaggio. Ma come sarà la nuova monoposto? Profondamente differente da quella attuale, ovviamente. Nel 2022 entrano infatti in vigore le nuove regole che portano ad una trasformazione anche estetica delle monoposto.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Come sarà la Ferrari del 2022: le prime anticipazioni

La Ferrari 2022, come le altre monoposto, sarà caratterizzata da dettagli che mirano a migliorare l’assetto aerodinamico della monoposto. Le ali, sia quella anteriore che quella posteriore, saranno semplificate e avranno un ruolo quasi secondario per quanto riguarda l’aerodinamica, che ora si trasferisce nella parte inferiore della monoposto. Per questo si parla di effetto suolo.

Per ottimizzare la parte inferiore della monoposto ovviamente sono state effettuate alcune modifiche. Il diffusore posteriore ad esempio dovrebbe trovarsi più in alto rispetto alla collocazione attuale. Inoltre i collettori bassi dovrebbero essere girati verso l’alto per potenziare l’effetto suolo. Un’altra modifica dovrebbe interessare le sospensioni posteriori, con i triangoli che dovrebbero essere alzati posizionati più in alto.

In base ai primi dati, il nuovo assetto aerodinamico garantisce ottimi risultati ad alte velocità ma rende la monoposto instabile a basse velocità. In casa Ferrari si lavora quindi per migliorare le prestazioni della monoposto anche nelle curve lente.

Mattia Binotto
Mattia Binotto

Le gomme da 18 pollici

L’altra grande novità del 2022 è rappresentata dalle gomme Pirelli da 18 pollici, che ovviamente richiedono delle modifiche sostanziali all’assetto delle monoposto.

Una Formula 1 più spettacolare

Le modifiche si pongono evidentemente nel contesto delle nuove regole fissate per il 2022, considerato come una sorta di Anno Zero per il mondo della Formula 1.

Le modifiche a livello aerodinamico dovrebbero rendere le gare ancora più emozionanti andando a rendere i sorpassi ancora più spettacolari. Il motivo è presto spiegato. Le nuove linee aerodinamiche dovrebbero consentire alle monoposto di utilizzare più agevolmente l’effetto scia.

Entrando nella scia della macchina che lo precede, il pilota può sfruttare il minor attrito dell’aria per prendere velocità, avvicinarsi e impostare il sorpasso. Ad oggi però rimanere in scia troppo a lungo è controproducente, anzi, dannoso. L’aria sporca mossa dalla macchina davanti danneggia la monoposto che segue. I piloti quindi sfruttano la scia solo per pochi metri. I duelli si svolgono a distanza. Si cerca l’imbucata in curva o si sfrutta l’ala mobile per un sorpasso lampo.

Le modifiche aerodinamiche dovrebbero ridurre le distanze tra le monoposto. I piloti potranno stare più vicini e più a lungo. Questo dovrebbe portare ad un maggior numero di sorpassi. Almeno questa è la speranza.

ultimo aggiornamento: 12-10-2021


Il prezzo della benzina alle stelle, stangata per le famiglie

Green Pass, il Viminale: “Imprese valutino tamponi gratis per i portuali”. Pd: “Raccomandazione inopportuna”