Formula 1, svelata la nuova Haas. Mick Schumacher e Nikita Mazepin sono stati confermati come piloti.

ROMA – E’ stata svelata la nuova Haas. A distanza di poche settimane dall’inizio della nuova stagione, la scuderia ha presentato online la VF-22. Si tratta di un evento storico visto che si tratta della prima monoposto con le nuove regole decise dalla FIA.

Ora naturalmente si aspetta l’approdo in pista per cercare di capire le differenze con la stagione scorsa e soprattutto individuare i punti di forza e deboli di una vettura chiamata ad ottenere un risultato sicuramente migliore rispetto a quello del 2021.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La Haas non cambia i piloti

Per questa stagione, inoltre, la Haas ha deciso di confermare i suoi piloti. Spazio, quindi, a Nikita Mazepin e Mick Schumacher, chiamati a tornare protagonisti dopo una stagione da rookie non sicuramente facile anche per una vettura non proprio veloce.

C’è sicuramente grande curiosità per il tedesco. La Ferrari punta molto su di lui e una stagione da protagonista gli potrebbe consentire di fare il salto e magari passare il prossimo anno in Alfa Romeo o in un team maggiormente competitivo in attesa della scuderia di Maranello. Ma, come detto, l’ultima parola spetta alla pista e vedremo nei prossimi mesi come si comporterà.

Formula 1
Formula 1

Gli obiettivi per il 2022

Gli obiettivi per il 2022 non cambiano. Sicuramente la speranza è quella di poter centrare più volte la Q2 e successivamente cercare in gara di lottare per i punti. Si tratta di traguardi non sicuramente semplice da raggiungere per diversi motivi, ma il cambio di regolamento potrebbe dare una mano sicuramente importante alla scuderia.

Non ci resta quindi che aspettare le prossime settimane per capire meglio la nuova Haas e soprattutto le sue potenzialità in un anno destinato sicuramente ad essere fondamentale per tutti i team.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-02-2022


Le multe arrivano anche via PEC. Ma in certi casi si possono contestare

MotoGP, presentate Yamaha e Suzuki