Formula 1, Michael Masi non è più il direttore di gara. Al suo posto Niels Wittich ed Eduardo Freitas.

ROMA – Formula 1, Michael Masi non è più il direttore di gara. Dopo il caos dell’ultimo GP, la Fia ha deciso di rimuovere il manager dal suo ruolo e dare questa responsabilità a Niel Wittich ed Eduardo Freitas. I due saranno affiancati da Herbie Blash, il nuovo consulente permanente della Formula 1.

Si tratta sicuramente di una grande novità dopo quanto successo sul finale della scorsa stagione. Una rivoluzione richiesta anche dagli stessi team, intenzionati a dare vita ad una Formula 1 sicuramente divertente, ma allo stesso tempo corretta.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Gli errori di Michael Masi

Non è stato un 2021 sicuramente semplice per Michael Masi. La lotta tra Hamilton e Verstappen non ha reso la vita facile al direttore di gara, ma la decisione della Fia è arrivata dopo alcune scelte che hanno fatto discutere e non poco.

Il primo errore è stato fatto sicuramente durante il GP del Belgio, forse la gara che ha deciso lo scorso Mondiale. La scelta di far correre dietro la safety car solamente due giri per assegnare dei punti è sembrata a tutti sbagliata. Da questo momento Masi è andato totalmente in confusione e lo si è visto con altre decisioni molto discutibili sia in Arabia Saudita che ad Abu Dhabi.

Formula 1
Formula 1

L’ex direttore di gara resta nel mondo FIA

Nonostante la decisione di sollevarlo da questo incarico, Michael Masi resta nel mondo Fia. A lui è stato proposto un ruolo interno alla Federazione e nei prossimi giorni dovrà comunicare se intende accettare questa nuova responsabilità oppure lasciare per il momento la Formula 1.

Sicuramente la decisione di non confermarlo apre la strada ad un Mondiale molto diverso da quelli precedenti e capiremo se ci sarà una maggiore regolarità.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 17-02-2022


Formula 1, presentata la nuova Ferrari F1-75. Le prime immagini

Mercato auto, in calo le vendite in Europa. L’allarme di Unrae: “Il gennaio peggiore da 22 anni”