Formula 1, penalità per Leclerc nel GP di Russia per aver cambiato il motore. Il monegasco partirà ultimo.

ROMA – Penalità per Leclerc nel GP di Russia. La Ferrari ha deciso di cambiare il motore della monoposto del monegasco e per questo motivo partirà in fondo alla griglia. Una decisione che è stata presa in accordo con i piloti per cercare di portare il prima possibile l’ultimo aggiornamento del sistema ibrido in ottica 2022.

Una scelta obbligata anche perché le ultime power unit del ferrarista non sono più in funzione ed ora per Charles non sono previste altre sanzioni fino al termine della stagione.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

La nota della Ferrari

Nella nota, riportata da La Repubblica, la Ferrari ha precisato che “è stato fatto un grande sforzo, sia dal punto di vista tecnico che logistico, per accorciare il più possibile i tempi e l’aggiornamento sarà effettuato con tempistiche sflasate fra i due piloti […]. Il primo a disporre del nuovo sistema sarà Charles, una scelta dettata da motivi precauzionali alla luce dei rischi connessi all’utilizzo del pacco batterie rimasto danneggiato nell’incidente del GP di Ungheria. A Sochi il monegasco avrà una power unit tutta nuova e partirà quindi dal fondo della griglia. L’introduzione del nuovo sistema sulla vettura di Sainz sarà decisa valutando il giusto compromesso fra competitività e impatto della penalizzazione“.

Charles Leclerc
Charles Leclerc

Leclerc e Binotto ai ferri corti?

In Ferrari, intanto, c’è aria di crisi tra Leclerc e Binotto. Voci hanno parlato di uno scontro verbale tra il monegasco e il team manager, con Charles che non avrebbe accettato la decisione da parte della scuderia di puntare su Sainz sullo sviluppo della macchina.

Nessuna conferma da Maranello, ma sicuramente al termine della stagione ci sarà un confronto anche con i vertici della scuderia per capire se andare avanti insieme o interrompere questo rapporto.

ultimo aggiornamento: 23-09-2021


Sciopero aerei, Alitalia cancella oltre 170 voli

Il decreto Green Pass bis è legge. Dalla durata della certificazione alla scuola passando per le funivie: tutte le novità