Formula 1, Verstappen penalizzato per l’incidente con Lewis Hamilton. L’olandese in Russia dovrà pagare tre posizioni in griglia di partenza.

MONZA – E’ Max Verstappen il pilota penalizzato per l’incidente con Lewis Hamilton durante il GP d’Italia. I commissari hanno sentito i due piloti e visto tutte le immagini possibili e alla fine hanno deciso di dare tre posizioni al pilota della Red Bull da scontare sulla griglia di partenza del Gran Premio di Russia.

Una scelta che rischia di complicare il weekend dell’olandese, ma molto probabilmente assisteremo ad un nuovo corpo a corpo tra i due e questa volta nessuno alzerà il piede dall’acceleratore.

Il motivo della penalizzazione

Secondo quanto riferito da La Gazzetta dello Sport, la penalità è arrivata a Verstappen perché non era allineato. La monoposto di Hamilton era davanti e l’olandese ha iniziato le manovre troppo tardi per poter avere la ragione. Il pilota della Red Bull, almeno secondo quanto ricostruito dai commissari, doveva andare largo e non forzare il passaggio sul cordolo, con il salsicciotto decisivo per lo scontro.

Anche il pilota britannico avrebbe potuto sterzare più lontano dal cordolo per i commissari, ma la posizione ragionevole ha permesso di non avere penalità. Se, invece, Verstappen fosse andato largo molto probabilmente la penalità sarebbe arrivata per Hamilton.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Max Verstappen
Max Verstappen

Halo decisivo

Un incidente che poteva avere un esito molto diverso dal punto di vista fisico. L’Halo ancora una volta ha avuto un ruolo decisivo in questo scontro. La struttura di protezione è riuscita ad evitare un impatto tra la testa di Hamilton con la ruota e il fondo della vettura di Verstappen.

Ancora una volta la Formula 1 si è dimostrata sicura e in futuro non si esclude la possibilità di altre modifiche per consentire ai piloti di poter guidare con maggiore tranquillità e le riflessioni sono in corso.


Formula 1: Daniel Ricciardo vince a Monza! Scontro Hamilton-Verstappen

Gp d’Italia, Angelo Sticchi Damiani: “Abbiamo bisogno di finanziamenti pubblici”