Formula 1, le prove libere del GP di Francia. E’ Verstappen il più veloce in FP2. La Ferrari si difende bene.

LE MANS (FRANCIA) – Le prove libere del GP di Francia di Formula 1 hanno confermato un duello tra Verstappen e la Mercedes. Dopo aver fatto firmare il miglior crono nella prima sessione con Bottas, la scuderia campione del mondo non è riuscita a ripetersi nella seconda sessione per soli 8 millesimi. Il migliore, infatti, è stato Verstappen davanti proprio al finlandese e Hamilton.

Una corsa a tre, quindi, per la vittoria in Francia. Difficilmente le altre vetture potranno competere per il primo posto, ma non si esclude il podio visto che sia Bottas che Perez in gara non sono stati sempre solidi.

Leclerc tiene, Sainz più in difficoltà

Per la Ferrari è stata una giornata importante soprattutto nel pomeriggio. Nella prima sessione, infatti, entrambe le Rosse hanno accusato un ritardo importante dalle prime, ma la situazione è leggermente cambiata nella seconda soprattutto con Leclerc.

Il monegasco ha chiuso con sei decimi di ritardo dal vincitore, ma soprattutto davanti alla McLaren, vero obiettivo di questo weekend. Ottavo Carlos Sainz, mentre da registrare il quarto crono di Alonso.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Charles Leclerc
Charles Leclerc

Obiettivo seconda fila per la Ferrari

Per la Rossa l’obiettivo principale sembra essere quello della seconda fila. Difficilmente, infatti, si potrà proseguire la striscia positiva di pole position e la mancanza di continuità da parte di Perez le possibilità dietro le prime tre posizioni ci sono.

Toccherà a Leclerc e Sainz provare a non sbagliare nulla visto che tutte le squadre sono vicini e serve un risultato importante in vista della gara. Sarà una domenica, infatti, un po’ più complicata rispetto alle precedenti e la Ferrari molto probabilmente dovrà correre in difesa e cercare di sfruttare ogni possibilità per ottenere un risultato importante anche in ottica futuro.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non


MotoGP, sorpresa Miguel Oliveira nel venerdì del Sachsenring. Ducati in difficoltà

L’Ue potrebbe decidere per uno stop vendite di auto a benzina e diesel nel 2035