Formula 1, Max Verstappen il più veloce in entrambe le sessioni di prove libere del GP di Stiria. Ferrari in chiaroscuro ma Leclerc soddisfatto.

SPIELBERG (AUSTRIA) – Max Verstappen il più veloce in entrambe le sessioni di prove libere del GP di Stiria, ottavo appuntamento del Mondiale di Formula 1. L’olandese ha confermato di attraversa un grande momento di forma, con la Mercedes che sembra essere più in difficoltà.

La scuderia campione del mondo non è riuscita a piazzarsi davanti a tutti, ma soprattutto Hamilton nella prima sessione è stato preceduto da Gasly e nella seconda da Ricciardo e Ocon. Nella terza c’è stato un primo segnale positivo, ma la situazione, comunque, è molto equilibrata ed è davvero vicina la possibilità di rimanere esclusi dalla Q2.

Per la Ferrari bicchiere mezzo pieno

E’ stata una prima parte di weekend di prove per la Ferrari. La scuderia di Maranello sta effettuando delle prove per sistemare i problemi avuti in Francia. Il giro secco, come ammesso anche dallo stesso Leclerc, non è buono e quindi serve cambiare passo per cercare di non complicare il weekend in qualifica.

Il passo gara, invece, sembra essere buono anche con la benzina. L’obiettivo, anche se non sembra essere facile da raggiungere, resta quello di mettere insieme le due prove per una gara da podio.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Charles Leclerc
Charles Leclerc

Bottas penalizzato

Un weekend iniziato in salita per Valtteri Bottas. Il finlandese ha avuto un testacoda in pit lane e da qui la penalizzazione di tre posizioni in griglia di partenza.

Non una buona notizia per il finlandese, chiamato ad una rimonta per cercare di aiutare la Mercedes ed Hamilton a conquistare la vittoria. Le qualifiche comunque non sono state semplici per Bottas. Una dodicesima posizione in FP2 e una quarta nella mattinata, ma l’equilibrio rischia di compromettere un po’ il fine settimana del pilota finlandese sul circuito di Spielberg.


Marc Marquez, rovinosa caduta ad Assen: nulla di grave

MotoGP, Vinales il più veloce in Olanda. In difficoltà le Ducati