L'allarme della Coldiretti: in Italia uno scandalo alimentare al giorno

L’allarme della Coldiretti: in Italia uno scandalo alimentare al giorno

L’allarme della Coldiretti al Forum internazionale di Cernobbio: “In Italia uno scandalo alimentare al giorno”. E preoccupa la provenienza estera.

CERNOBBIO (COMO) – La Coldiretti ha lanciato un allarme dal Forum internazionale di Cernobbio. In Italia – secondo l’analisi presentata in occasione della visita del presidente del Consiglio – c’è uno scandalo alimentare al giorno. Inoltre preoccupa molto anche la provenienza estera visto che quattro prodotti su cinque sono importanti da Paesi sia continentali (il 44%) che extracomunitari (il 39%).

I pericoli secondo la Coldiretti

In questo rapporto la Coldiretti si è soffermata anche sui pericoli maggiori per l’Italia. Massima attenzione al pesce che in alcuni casi è importato dalla Spagna o dalla Francia con alto contenuto sia di mercurio che del parassita Anisakis. Ma sul podio abbiamo anche materiali a contatto con gli alimenti per i quali si riscontra la cessione di sostanze pericolose per la salute del consumatore.

Ma nella black list sono state inseriti anche i pistacchi della Turchia e le arachidi dell’Egitto perché contengono sostanze cancerogene. E i pericoli maggiori arrivano dalla Spagna con 58 segnalazioni. Il Paese iberico è seguito da Cina (28) e Turchia (22). La Coldiretti, quindi, raccomanda la massima attenzione agli italiani che vanno ad acquistare i prodotti segnalati in questo rapporto. Un documento che invia un messaggio implicito anche al presidente Conte per cercare di risolvere l’emergenza.

Coldiretti
fonte foto https://www.facebook.com/paola.palesi

La nota della Coldiretti

Il documento si conclude con una breve nota della Coldiretti, riportata dall’ANSA: “Si evidenzia il primato del Made in Italy nella sicurezza alimentare a livello internazionale ed europeo, dove la media delle irregolarità è del 2,5%, ma preoccupa la presenza sul territorio nazionale di alimenti di importazione con elevati livelli di residui. Ciò dimostra l’importanza di una informazione corretta con l’obbligo di indicare in etichetta l’origine nazionale dei prodotti che va esteso a tutti gli alimenti“.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/paola.palesi

ultimo aggiornamento: 13-10-2019

X