Il primo bilancio della frana avvenuta nella miniera di giada nella zona settentrionale del Myanmar conta almeno settanta dispersi e una ventina di feriti.

È di almeno settanta dispersi il primo bilancio della frana che ha interessato una miniera di giada in Myanmar (Birmania). I soccorritori parlano di un numero di dispersi compreso tra settanta e cento persone. Già nelle prime battute i soccorritori hanno individuato un morto e una ventina di feriti. Il bilancio ovviamente è in continuo aggiornamento.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Myanmar, frana in una miniera di giada: almeno settanta dispersi

La frana è avvenuta intorno alle 4 del mattino nella miniera di Hpakant, nella zona settentrionale del Paese. Immediato l’intervento da parte dei soccorritori che nelle prime battute hanno soccorso una ventina di feriti. I media locali parlano anche di una vittima. Sarebbero una settantina i dispersi e per i soccorritori è iniziata una vera e propria corsa contro il tempo.

Pronto soccorso
Pronto soccorso

Il dramma delle miniere irregolari

Stando a quanto ricostruito fino a questo momento, la maggior parte delle persone che lavoravano nella miniera era composta da immigrati illegali. Le miniere di giada rappresentano una fonte di guadagno importante ma il livello di sicurezza è bassissimo. Nel corso dell’anno si registrano diversi incidenti. Nello stato di Hpakant l’attività di estrazione della giada è addirittura vietata. Per questo motivo a lavorare nella miniera nella quale è avvenuta l’ultima frana erano soprattutto immigrati, persone disperate che accettano di lavorare per pochi soldi e in condizioni precarie per di avere qualcosa per comprare da mangiare o per far sopravvivere la famiglia.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 22-12-2021


Oscar, l’Italia candida È stata la mano di Dio. Il film di Sorrentino nella lista dei 15 film internazionali

Coronavirus, altre 5 Regioni rischiano un Capodanno in zona Gialla