L’auto del bodyguard di Tom Cruise è stata rubata durante le riprese di ‘Mission Impossible 7’. Indagini in corso per risalire ai responsabili.

BIRMINGHAM (INGHILTERRA) – Piccola disavventura per il principale protagonista di Mission Impossible 7. L’auto del bodyguard di Tom Cruise, infatti, è stata rubata durante le riprese del film e i ladri hanno portato via anche i bagagli dell’artista per un valore di migliaia di sterline.

E’ stata aperta un’indagine per accertare meglio quanto successo e risalire ai responsabili di questo furto. In attesa di avere novità sull’auto, l’attore continuerà le riprese del film che dovrebbe uscire al cinema non prima del 2022.

Il furto dell’auto del bodyguard di Tom Cruise

Le indagini sono ancora in corso. Secondo quanto riferito da TgCom24, i ladri avrebbero approfittato della clonazione del segnale radio del telecomando, un processo ripetuto anche per avviare il motore poco dopo.

Il furto sarebbe avvenuto davanti al Grand Hotel e i malviventi sono riusciti a far perdere subito le tracce. La BMW ha immediatamente dato una vettura sostitutiva all’attore, ma Tom Cruise spera di poter rientrare il prima possibile in possesso dei suoi bagagli, che al momento del furto si trovavano all’interno della vettura. Un bottino, quindi, da migliaia di sterline e per questo motivo gli inquirenti preferiscono mantenere il massimo riserbo sull’accaduto.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Tom Cruise
Tom Cruise

Tom Cruise sul set di ‘Mission Impossible 7’

Per Tom Cruise un Mission Impossible 7 ricco di contrattempi. Le riprese sono state interrotte più volte per la pandemia e per questo motivo sono stati registrati ritardi sull’arrivo nelle sale cinematografiche. Ora il furto dell’auto del bodyguard del protagonista principale.

Le riprese continueranno nei prossimi giorni con l’obiettivo di finire il prima possibile e cercare di andare entro il 2022 nelle sale cinematografiche. Conclusa questa esperienza, si ragionerà sulla possibilità di fare anche il numero 8.


Crisi Afghanistan, massima allerta negli Usa. Si temono attacchi terroristici sul territorio statunitense

29 agosto 1991, Libero Grassi ucciso a Palermo dalla mafia