Gabriele Maffeo trovato in un cassonetto: rivelazione shock
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Gabriele Maffeo trovato in un cassonetto: rivelazione shock dell’autopsia

detective scientifica raccoglie prove omicidio

Arrivano i risultati autoptici di Gabriele Maffeo, trovato morto in un cassonetto a Biella: quello che emerge è da non credere.

Arriva la svolta del caso di Gabriele Maffeo, il 33enne che sabato sera è stato trovato morto in un cassonetto a Biella, nel quartiere Chiavazza. L’uomo non sarebbe stato ucciso, ma è morto per overdose di droga.

Decreto Salva Casa: ecco tutte le modifiche che potrai apportare alla tua abitazione

detective scientifica raccoglie prove omicidio

Gabriele Maffeo morto per overdose

Una scoperta triste per chi gli voleva bene, e che credeva avesse finalmente abbandonato la strada della droga. Eppure, quello che mostrano i risultati dell’autopsia – eseguita lo scorso 7 ottobre – riporta ad una morte causata da un overdose di droga.

I segni delle tumefazioni al volto non sarebbero quindi da correlare alle presunte percosse subite, che avevano fatto ipotizzare una rissa finita male.

Si riduce il rischio per gli indagati

Le indagini risollevano quindi i quattro indagati – tre uomini e una donna, anch’essi legati al mondo della droga – che adesso vengono accusati soltanto del reato di occultamento di cadavere.

Secondo quanto accertato durante le indagini, i quattro avrebbero assistito alla morte di Gabriele Maffeo, per poi decidere insieme lo spostamento del corpo nel cassonetto per evitare guai peggiori.

Diversi testimoni, accorgendosi di strani movimenti, hanno confermato che il gruppo stava trasportando qualcosa su una carriola. Gli indagati sono difesi dagli avvocati Marco Romanello e Cristian Conz.

Il ritrovamento del corpo

Il corpo privo di vita di Gabriele Maffeo fu ritrovato la sera di sabato 30 settembre, da una donna che si era recata sul posto per gettare l’immondizia nel cassonetto. Il 33enne, già morto da tre giorni, aveva in testa una calza di nylon legata con nastro adesivo e cavi.

L’uomo, che lascia un figlio di due anni, pare avesse avuto problemi di droga in passato e che si era apparentemente disintossicato in una comunità. Sfortunatamente, il vortice dei suoi vizi lo ha trascinato nuovamente nel baratro.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 16 Ottobre 2023 16:33

Allarme bomba nella scuola del prof ucciso: evacuato l’istituto

nl pixel