L’Unione europea potrebbe finalmente raggiungere un accordo concreto in merito all’embargo al gas dalla Russia?

Il gas russo è uno degli argomenti più discussi degli ultimi mesi, in merito alla guerra in Ucraina. In molti ritengono che la Russia debba essere sanzionata in modo ancora più grave rispetto alle attuali sanzioni, tramite uno stop netto alle importazioni di petrolio da Mosca. Ma le ripercussioni sull’economia europea potrebbero essere maggiori dei benefici. Eppure, stando al sottosegretario francese agli Affari Europei, Clément Beaune, si potrebbe arrivare a un accordo “entro la settimana” sull’embargo al gas russo. Queste le sue parole.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le dichiarazioni di Beaune

“Credo che si potrà avere un accordo in settimana, ci si lavora intensamente. È probabilmente una questione di giorni”, ha affermato il sottosegretario Beaune. Proprio questa mattina, sempre nell’ambito dell’embargo imminente al gas russo, il presidente francese Emmanuel Macron ha partecipato alla videoconferenza con Ursula Von der Leyen, presidente della Commissione Europea e Viktor Orban, primo ministro ungherese, “per parlare della sicurezza degli approvvigionamenti e dei meccanismi di solidarietà nel quadro delle sanzioni in discussione sul petrolio” che arriva dalla Russia.

Le parole di Borrell

“Continuiamo a discutere a livello di rappresentanti permanenti, nel Coreper, per un accordo in merito al sesto pacchetto di sanzioni contro Mosca, che “potrebbe essere adottato dal Consiglio che ha la capacità decisionale” in materia di sanzioni. “Continuiamo a lavorare, ci sono ancora difficoltà. Spero che prima del Consiglio” Affari Esteri, in agenda per lunedì prossimo, “queste difficoltà siano appianate”, oppure dovranno essere affrontate nel Consiglio. Questo è quanto dichiarato dall’Alto Rappresentante dell’Ue Josep Borrell.

impianto gas
Impianto gas

Il commento di Podolyak

Petrolio e gas sono le uniche cose che Mosca esporta (a parte la guerra). Quando l’Europa passerà a un altro fornitore, non vi tornerà (indipendentemente dal fatto che la guerra finisca). Per il mondo, la Russia è un paese imprevedibile con nessuna possibilità di costruire progetti a lungo termine, ha scritto su Twitter il consigliere del presidente ucraino Mykhailo Podolyak.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 10-05-2022


Elezioni Sicilia: riaccese rivalità tra Lega e Fratelli d’Italia

Il M5S non ha candidati per le amministrative