Emergenza umanitaria a Gaza: l'appello di Save the Children
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Emergenza umanitaria a Gaza: l’appello di Save the Children

isreaele palestina striscia di gaza

La crisi tocca il suo apice nel conflitto a Gaza tra Israele e Hamas, Save the Children lancia l’appello per i bambini.

La situazione critica a Gaza sta raggiungendo proporzioni catastrofiche. Il direttore di Save the Children per i Territori palestinesi occupati, Jason Lee, sottolinea l’urgente necessità di un cessate il fuoco per preservare le vite innocenti, in un’intervista esclusiva con Fanpage.it.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

isreaele palestina striscia di gaza
isreaele palestina striscia di gaza

L’Impatto devastante sui civili

I civili continuano a pagare il prezzo più alto in queste circostanze tragiche. Le condizioni umanitarie si stanno deteriorando rapidamente, con bambini uccisi, rapiti e privati di risorse essenziali come cibo, acqua e cure mediche. Le parole di Lee risuonano come un campanello d’allarme per la comunità internazionale.

Risorse inadeguate: un grido di aiuto

Con la diminuzione delle risorse, la vita a Gaza diventa sempre più insostenibile. Gli aiuti attuali rappresentano solo una goccia nell’oceano di quello che è realmente necessario. La mancanza di accesso a beni essenziali come acqua pulita, cibo e medicinali sta portando a una crisi di proporzioni epiche.

La carenza di servizi sanitari è particolarmente allarmante. Oltre 2.900 bambini sono stati uccisi nell’ultimo periodo, e la mancanza di aiuti sta lasciando le famiglie senza risorse vitali. La situazione è ulteriormente aggravata dalla mancanza di elettricità e carburante, rendendo gli ospedali incapaci di operare in modo efficace. Ciò mette in pericolo migliaia di vite, incluse circa 5.500 donne incinte previste per partorire il prossimo mese.

Negare l’accesso ai beni essenziali è una violazione grave del diritto internazionale umanitario. È imperativo proteggere le infrastrutture civili durante il conflitto, assicurando che i bambini abbiano accesso a cibo, acqua, assistenza sanitaria e altri beni essenziali.

Nonostante le sfide, Save the Children, attraverso i suoi partner, ha iniziato a fornire aiuti essenziali alle famiglie bisognose, distribuendo acqua e prodotti per l’igiene nei rifugi e nelle abitazioni. Si stanno anche preparando a distribuire 3mila pacchi alimentari, continuando a rispondere alle necessità critiche finché le circostanze lo permetteranno. Tuttavia, è necessario un accesso illimitato e sicuro per fornire una risposta su larga scala alla crisi crescente, con forniture di aiuti e personale pronti al confine egiziano, in attesa di un accesso senza restrizioni per portare soccorso a bambini e famiglie in difficoltà.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 28 Ottobre 2023 10:08

La posizione dell’Italia sull’Onu riguardo la tregua tra Israele e Gaza

nl pixel