George Blake è morto all’età di 98 anni. Ha lavorato per l’Urss durante la Guerra Fredda.

LONDRA (INGHILTERRA) – E’ morto all’età di 98 anni George Blake, agente segreto inglese che durante la Guerra Fredda ha lavorato con l’Urrs. E’ stato uno degli ultimi 007 a fare il doppio gioco per il Kgb durante gli anni ’50.

In patria lo hanno sempre definito come un traditore, ma lui ha sempre rifiutato questa definizione: “Per tradire bisogna appartenere e io non mi sono mai sentito di appartenere alla Gran Bretagna”.

Chi era George Blake

George Blake è stato uno degli ultimi agenti britannici a lavorare per l’Urrs durante la Guerra Fredda. Un incarico che ha portato all’arresto dello 007 e ad una condanna a 42 anni di carcere nel 1961.

Quattro anni in cella per Blake prima di evadere dal carcere, attraversare la Manica su un traghetto e passare la cortina di ferro fra la Germania dell’Est e dell’Ovest per ricongiungersi con i suoi operatori sovietici per poi tornare a Mosca. Un ritorno in Russia che lo ha portato a lasciare la moglie. Una relazione che si conclusa con il divorzio in absentia. Dopo qualche anno, si era risposato con una cittadina russa da cui ha avuto anche altri figli.

Ambulanza
Ambulanza

George Blake morto

La morte di George Blake è stata annunciata da servizio di spionaggio russo e riportata da La Repubblica. L’agente britannico si è spento all’età di 98 anni dopo una lunga storia che lo ha visto contrapposto alla Gran Bretagna.

Lo 007 inglese è stato uno degli ultimi durante la Guerra Fredda a lavorare con la Russia. Una scelta che lo ha portato ad una condanna di 42 anni di carcere. Pena mai realmente scontata per la sua fuga dalla cella e il suo ritorno a Mosca per trascorrere il resto della sua vita. Con la sua scomparsa si chiude una pagina di storia.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
cronaca George Blake Guerra Fredda

ultimo aggiornamento: 26-12-2020


Accoltella il figlio alle spalle, arrestata una donna di 61 anni

27 dicembre 1985, attentato all’aeroporto di Fiumicino: i terroristi di Abu Nidal fanno 13 morti