Il presidente russo perde un altro amico famoso a causa di questa guerra.

Sempre più solo Vladimir Putin abbandonato da un altro amico famoso, questa volta si tratta dell’attore francese Gerard Depardieu. Se un mese fa aveva esortato alla pace e alle negoziazioni condannando la guerra, oggi Depardieu condanna Putin in modo diretto.

L’attore francese in passato aveva paragonato il presidente Putin a Papa Woytila. Ma oggi quello che poteva somigliare a Giovanni Paolo II – con un po’ di esagerazione – oggi è completamente oscurato dal criminale di guerra che il mondo sta condannando. A far cambiare idea al francese sono stati “i folli inaccettabili eccessi” di Putin.

Soltanto nel 2013 aveva detto dichiarato: “Putin è come Mitterrand o Giovanni Paolo II. Non l’ho mai detto prima ma è quello che penso. Vi dico quello che penso di Putin, la nazione russa ha bisogno proprio di una persona come lui con un temperamento russo. Putin cerca di ridare dignità alla sua gente“.

Gerard Depardieu
Gerard Depardieu

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Anche Depardieu condanna Putin

Gerard Depardieu ha criticato aspramente Putin e la sua guerra in un comunicato diffuso da AFP e le sue parole segnano una chiara inversione di rotta della sua opinione sull’ormai ex amico che aveva spesso difeso e sostenuto pubblicamente. “Il popolo russo non è responsabile dei folli, inaccettabili eccessi dei loro leader come Vladimir Putin. La Russia e l’Ucraina sono sempre stati dei Paesi con un rapporto fraterno. Fermate le armi e negoziate“.

Nel comunicato l’attore chiede anche lo stop alle armi e si sta impegnando attivamente ad aiutare il popolo ucraino che sta soffrendo sotto gli attacchi russi. Infatti, ha deciso di devolvere il ricavato di alcuni eventi in cui è protagonista agli “Ucraini vittime di questa tragica guerra fratricida”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 01-04-2022


Imparare a convivere con il Covid: cosa consiglia Fondazione Gimbe

La Soyuz è atterrata, a bordo americani e russi: è il primo rientro