Nato il 16 dicembre 1966, Giancarlo Giorgetti è parlamentare dal 1996. Vice di Salvini, nel primo Governo Conte è stato sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri.

Giancarlo Giorgetti nasce a Cazzago Brabbia il 16 dicembre 1966. E’ laureato alla “Bocconi” di Milano in Economia e Commercio. Successivamente diventa revisore contabile e commercialista professionista.

Eletto in Parlamento

Cresciuto nel Fronte della Gioventù, l’organizzazione giovanile del Movimento Sociale Italiano, diventa sostenitore della Lega Nord e nel 1996 viene eletto deputato. Rieletto nel 2001, è l’autore principale della Legge 40/2004, relativa alla procreazione assistita. Nella legislatura è presidente della Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione.

https://www.youtube.com/watch?v=DG6SxMhcRng&ab_channel=La7Attualit%C3%A0

Ai vertici della Lega

Giancarlo Giorgetti ha guadagnato negli anni sempre più visibilità all’interno del partito: segretario nazionale della Lega lombarda per un decennio, capogruppo del Carroccio alla Camera e dal 2016 vicesegretario di Salvini. Ha espresso il proprio sostegno al sì al referendum istituzionale sul taglio del numero dei parlamentari, dissentendo dalle indicazioni del partito.

Giancarlo Giorgetti sottosegretario a Palazzo Chigi

L’1 giugno 2018 è stato nominato sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri del Governo Conte, con delega allo Sport. In questa veste gli viene anche affidata la delega per l’attuazione del programma di governo, alle politiche spaziali ed aerospaziali e quella sulle scommesse sportive riguardo alla promozione delle misure per il riordino e al rafforzamento della disciplina delle scommesse sportive nonché per la prevenzione della manipolazione delle relative competizioni. A settembre 2019 lascia l’incarico dopo il rimpasto di governo con l’uscita della Lega dall’esecutivo.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati


Lockdown a Natale, quali sono i nuovi divieti e quando scattano. Tutte le ipotesi

Conte: “Rilanceremo l’azione”. Renzi: “In caso di crisi c’è una cosa più importante del Pd: la Costituzione”