Lutto nel mondo del giornalismo, è morto all’età di ottantuno anni Gianfranco De Laurentiis, volto noto della televisione.

Il mondo dello sport e della televisione piangono la scomparsa di Gianfranco De Laurentiis, morto all’età di 81 anni.

Morto Gianfranco De Laurentiis

Il decesso è avvenuto all’età di 81 anni e come reso noto i funerali si svolgeranno in forma privata.

In pochi minuti sulla rete si sono moltiplicati i messaggi di cordoglio. Tantissimi giornalisti hanno voluto esprimere il proprio dolore per la scomparsa del collega, ma anche tanti affezionati telespettatori hanno voluto lasciare un messaggio in ricordo del giornalista, che ha lasciato un vuoto immenso nel mondo del giornalismo sportivo.

Quello di Antinelli è solo uno dei tanti messaggi comparsi sui social a pochi minuti dalla notizia della morte di uno dei professionisti più apprezzati degli ultimi anni.

Fonte foto: https://it.wikipedia.org/wiki/Gianfranco_De_Laurentiis

Chi era Gianfranco De Laurentiis

De Laurentiis era uno dei mostri sacri del giornalismo, una delle figure storiche della RAI, dove ha iniziato a muovere i primi passi agli inizi degli anni Settanta, dopo l’esperienza al Corriere della Sera.

Si tratta di un volto noto della televisione, conosciuto soprattutto dagli amanti del calcio per la sua presenza in trasmissioni di grande successo come EuroGol, Diretta Sport, Domenica Sport, Dribbling e Ds, tanto per citarne alcune.

La Formula 1 e la passione per lo sport

Il suo nome è noto anche agli amanti della Formula 1 per la sua esperienza alla conduzione di Pole Position, altra trasmissione cult di enorme successo e seguito.

Era un amante dello sport in generale, a 360 gradi, e aveva il grande pregio di riuscire a coinvolgere le persone. Con grande professionalità ma senza distacco. Gli elementi che fanno di un giornalista un grande Giornalista, un professionista come pochi.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
cronaca Gianfranco De Laurentiis sport

ultimo aggiornamento: 14-10-2020


Fabio Fognini positivo al coronavirus

Coronavirus, controlli a tappeto dei NAS in bar e ristoranti