Dino Giarrusso, ex Iena, lascia il Movimento 5 stelle e vuole fondare un partito con tutti i grillini delusi.

L’ormai ex grillino Giarrusso ha annunciato l’abbandono del Movimento in diretta su La7. Il motivo è stato il tradimento dei suoi valori da parte del M5S. Secondo l’europarlamentare, “Il M5s è nato con i valori di democrazia diretta, ma non è rimasto nulla”. Per questo l’ex iena è a lavoro per fondare un partito con tutti quelli che delusi dai mille cambiamenti del M5S sono usciti poco alla volta.

Giarrusso dice che molti dei suoi ex colleghi di partito sono stati contenti del suoi addio. Inoltre, lo stesso leader Conte non ha avuto parole di stima per lui. Infatti, Conte ha dichiarato che Giarrusso gli avrebbe chiesto solo poltrone. L’ex grillino ha commentato: “Trovo imbarazzanti le parole di Conte perché completamente false e quindi diffamatorie”.

Le dichiarazioni del leader pentastellato hanno trovato amarezza in Giarrusso che afferma di aver sempre difeso Conte “e non mi aspettavo da lui una bugia del genere” riferito al fatto che non avrebbe mai chiesto poltrone “non avrei avuto motivo di chiederle: l’unica poltrona che ho, l’ho guadagnata col record di preferenze mai ottenuto da esponenti 5 Stelle.”

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Scontro tra l’ex Iena e Conte

Continua a criticare il suo ex leader dicendo: “Ho sempre suggerito e chiesto a Conte di far votare ai nostri iscritti i membri del suo organigramma o almeno una parte; ma Conte, che si vanta palando di democrazia diretta, ha sempre e solo nominato lui i membri dell’organigramma, circondandosi di yes men”.

A Repubblica Giarrusso ha confessato: “Scriverò un libro sulle bugie e intimidazioni ricevute. Sono disgustato, è una fiera dell’ipocrisia e non ne potevo più“. Poi descrive il movimento che ha tradito i vecchi valori di base “c‘è un piccolo gruppo che sceglie per tutti e isola i non allineati. Il M5S oggi è la caricatura di un vecchio partito”. Inoltre, prosegue, “le regole vengono quotidianamente calpestate. Non avevo avvertito nessuno del mio addio, non ci ho dormito stanotte, sono stato indeciso fino all’ultimo”.

Dal gruppo M5S del Parlamento Ue arriva l’invito a lasciare la carica da europarlamentare: “Lo invitiamo a essere coerente con le idee che ha sempre, e in più occasioni, manifestato: si dimetta da europarlamentare visto che è stato eletto con il simbolo del M5S e si ripresenti alle prossime elezioni con il partito che meglio lo rappresenta. Esprimiamo grande apprezzamento per le parole di Conte sulla vicenda e, infine, per citare Giarrusso stesso: Cambiare idea è lecito, prendere in giro i cittadini no”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 26-05-2022


Referendum del 12 Giugno: le posizioni dei partiti

De Luca e Salvini d’accordo su Putin