Nella stessa giornata del passaggio effettivo della campanella a Palazzo Chigi da Mario Draghi, Giorgia Meloni incontra da premier il presidente francese Macron.

Era già nell’aria l’ipotesi che Giorgia Meloni potesse già incontrare Emmanuel Macron per la sua visita a Roma e cogliere l’occasione per salutare in veste da premier il presidente francese e rassicurare così l’Europa. Macron era a Roma per incontrare il Papa e partecipare all’assemblea della comunità di Sant’Egidio insieme al presidente Mattarella. A margine dell’evento ha colto l’occasione per salutare la nuova premier.

Quello tra la neo premier Meloni e il presidente Macron è stato un incontro informale “ma importante nell’ambito dei rapporti tra Italia e Francia e per quanto riguarda l’Unione europea” secondo l’Agi. Giorgia Meloni si era appena insediata e in serata ha incontrato l’inquilino dell’Eliseo che ha scelto la diplomazia dopo gli interventi scorretti da parte della premier francese Borne. Un modo anche per ristabilire i rapporti e creare un dialogo con la nuova presidente del Consiglio italiana, in continuità con la grande stima e amicizia tra Macron e Draghi che ha suggellato ancora di più i legami tra i due paesi.

Emmanuel Macron
Emmanuel Macron

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il presidente francese decide di non sacrificare i rapporti tra Italia e Francia

Nonostante il viaggio a Roma di Macron fosse in programma da tanto, non aveva mostrato troppo entusiasmo ad incontrarla. Inoltre, il presidente francese non aveva ancora fatto le congratulazioni ufficiali a Giorgia Meloni per la sua vittoria. Alla fine ha deciso di mettere davanti la continuità dei rapporti tra Italia e Francia e scegliere la via diplomatica con la nuova premier incontrandola in serata per un faccia a faccia. “I rapporti tra Italia e Francia sono più importanti delle persone”, ha detto Macron.

Emmanuel Macron è stato il primo leader europeo a incontrare la nuova premier che ci ha tenuto a organizzare questo incontro con lui nel giorno del suo insediamento. E’ un segnale molto forte ai partner europei e internazionali sulla via diplomatica scelta da Giorgia Meloni che mette davanti il dialogo e non lo scontro con Bruxelles. Un processo di moderazione iniziato dalla presidente già in campagna elettorale per rassicurare gli altri paesi sul suo governo. L’Ue ha risposto con reciproca apertura alla collaborazione e alla diplomazia.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 24-10-2022


Le prossime tappe del governo Meloni

Draghi e Meloni: lungo colloquio e dossier per “partire bene”